UniversONline.it

Casi di diabete in crescita in Italia - Il diabete è una delle patologie più diffuse nel mondo e anche in Italia ogni anno si registrano numerosi nuovi casi

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Casi di diabete in crescita in Italia

Casi di diabete in crescita

Il diabete è una delle patologie più diffuse nel mondo e anche in Italia ogni anno si registrano numerosi nuovi casi. Osservando i numeri registrati presso i centri di diabetologia si nota come l'incremento medio annuo di diabete di tipo 2 è fra il 7 e il 10 per cento a seconda delle zone italiane, l'incremento non riguarda però solo il diabete che colpisce in età adulta la cui principale causa è l'obesità, purtroppo si registra un incremento, in questo caso dell'un per cento, anche del diabete di tipo 1 o giovanile.

I dati relativi all'incremento dei casi di diabete e altri aspetti legati a questa patologia sono il frutto di un lavoro svolto dall'Associazione Medici Diabetologi (AMD), gli esperti hanno redatto e successivamente presentato all'Istituto Superiore di Sanità (ISS) "il primo rapporto nazionale sulla qualità" relativo all'assistenza diabetologica in Italia.

L'Associazione Medici Diabetologi (AMD) è stata costituita nel 1974 a Firenze da un gruppo di qualificati esponenti della diabetologia clinica italiana del tempo. L'Associazione comprende oggi 1800 iscritti ed è articolata in 17 sezioni regionali, coordinate da un Consiglio Direttivo Nazionale. I suoi compiti statutari sono quelli di promuovere la diffusione su tutto il territorio nazionale di strutture idonee alla prevenzione, diagnosi e cura del diabete mellito; di curare la qualificazione professionale e l'aggiornamento culturale del personale sanitario operante in tali strutture; di adoperarsi perché la diabetologia e la figura del medico diabetologo acquisiscano e mantengano la loro autonomia dal punto di vista didattico e clinico e costituiscano il principale punto di riferimento nella cura del paziente diabetico.

Giacomo Vespasiani, attuale direttore del Centro Studi e ricerche dell''AMD, ha evidenziato che dalle indagini condotte in 86 centri di diabetologia, utilizzando i dati relativi a 121 mila pazienti visitati nel 2004, si è rilevato che nell'arco di un anno è incrementato notevolmente il numero di pazienti, le cifre parlano di un incremento del 13 per cento di diabetici di tipo 2 e del 7 per cento di pazienti affetti da diabete di tipo 1. Se si osservano i dati in un arco temporale più ampio si nota che dagli anni novanta a oggi il numero di persone colpite da questa malattia è praticamente raddoppiato, si è passati dal 2-3,5 per cento al 4,5 per cento della popolazione, attualmente ogni cento abitanti circa 4 / 5 persone sono colpite da almeno una forma di diabete.

Carlo Giorda, curatore della ricerca e presidente dell'AMD Piemonte e Valle D'Aosta, ha comunque evidenziato come l'incremento maggiore sia stato registrato nel diabete adulto piuttosto che in quello giovanile che rimane più o meno costante all'un per cento. Il crescere dei casi di diabete di tipo 2 sono da attribuire principalmente a un continuo aumento delle persone obese che conducono una vita sedentaria, c'è da considerare però un altro aspetto, attraverso l'informazione si sta diffondendo una cultura corretta verso il problema del diabete e sempre più persone vengono "inviate" dai medici di famiglia presso i centri per la cura del diabete, persone che fino a qualche anno fa magari convivevano con il problema del diabete senza esserne a conoscenza.

Nel complesso in Italia si può essere abbastanza soddisfatti della qualità della cura fornita anche se vi sono delle aree di intervento che dovranno essere ulteriormente migliorate, inoltre bisognerà continuare a lavorare dal punto di vista dell'informazione affinché si possano prevenire almeno parte dei casi di diabete di tipo 2.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook