UniversONline.it

Una sostanza in aiuto dell'osteoporosi - Alcuni ricercatori hanno individuato una sostanza che potrebbe migliorare la salute delle ossa affette da osteoporosi.

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Una sostanza in aiuto dell'osteoporosi

Una sostanza in aiuto dell'osteoporosi

Alcuni ricercatori hanno individuato una sostanza che potrebbe migliorare la salute delle ossa affette da osteoporosi. La scoperta, i cui risultati sono stati pubblicati sui Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas), č stata fatta in seguito a una ricerca condotta all'Universitā di Bonn con la collaborazione di esperti americani israeliani e britannici.

Gli esperti hanno scoperto un meccanismo, prima d'ora ignoto, che svolge un ruolo importante nella regolazione della perdita di sostanza ossea nell'osteoporosi. In questo studio, un ruolo importante č stato svolto dal recettore dei cannabinoidi Cb2, fondamentale nel mantenimento della salute.

Lo studio č partito dall'osservazione di alcuni topi che presentavano una variante genetica la quale portava ad avere una minore densitā ossea. Meliha Karsak, responsabile dello studio, ha spiegato che attualmente i recettori cannabinoidi conosciuti sono due, il Cb1 e il Cb2, il primo, espresso a livello dei neuroni, č responsabile anche dell'effetto mentale della cannabis. Per quanto riguarda il Cb2, fino ad oggi non erano ancora ben chiare le sue funzioni.

Per studiare il funzionamento del recettore Cb2, i ricercatori hanno provocato una mutazione genetica nei topi, individuando una relazione fra il recettore e le ossa.

Si č notato che negli animali che presentavano un'alterazione genetica che "bloccava" l'attivitā del recettore Cb2, gli osteoclasti, le cellule in grado di demolire il tessuto osseo, aumentavano del 50%.

Durante lo studio č stato inoltre scoperto che i vettori dei recettori Cb2 sono gli osteoclasti e gli osteoblasti, essi infatti "trasportano" i recettori sulla loro superficie.

I risultati di questa ricerca, oltre ad aver fatto luce sulla funzione dei recettori Cb2 nel mantenere una normale massa ossea, apre la strada a nuove terapie che potranno curare i milioni di persone affetti da osteoporosi.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Articoli di medicina e salute correlati

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook