UniversONline.it

Rischio cardiovascolare e fratelli - Se si ha un fratello o una sorella con problemi cardiovascolari, c'Ŕ il 45 percento di probabilitÓ di poter essere soggetti a patologie analoghe

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Rischio cardiovascolare e fratelli

Rischio cardiovascolare e fratelli

Se si ha un fratello o una sorella con problemi cardiovascolari, c'Ŕ il 45 percento di probabilitÓ di poter essere soggetti a patologie analoghe. Questa relazione Ŕ stata evidenziato in uno studio, il Framingham Heart Study condotto nel Massachusetts, i risultati della ricerca sono stati pubblicati sul Journal of the American Medical Association.

La ricerca Ŕ stata condotta su un numero elevato di soggetti scremando per˛ le persone che non avevano determinate caratteristiche. Il campione esaminato aveva un etÓ superiore ai trent'anni, in famiglia avevano almeno un fratello o una sorella e non erano affetti da cardiopatia.

Tutte le persone scelte per la ricerca sono state tenute sotto controllo per un periodo di otto anni, durante questo periodo si sono registrati 329 casi legati a patologie cardiovascolari. Tenendo in considerazione tutti gli aspetti di ogni singolo soggetto, si Ŕ notato un aumento del rischio di patologie cardiovascolari pari al 45 per cento in quelle situazioni in cui il paziente aveva un fratello o una sorella che ha sua volta presentava una malattia cardiovascolare.

In passato, altri studi avevano evidenziato un legame fra problemi cardiovascolari in uno dei due genitori e maggiori possibilitÓ di verificarsi un evento analogo nei figli. La percentuale riscontrata in questo nuovo studio Ŕ molto pi¨ elevata. Non Ŕ ancora chiaro per˛ il motivo che porta la malattia in un fratello ad essere pi¨ significativa come fattore di allarme per possibili problemi cardiovascolari rispetto a una patologia riscontrata nei genitori.

Joanne Murabito, uno dei coordinatori del progetto, ha evidenziato l'importanza di questa scoperta in quanto fino a questo momento, il nuovo fattore di rischio calcolato intorno al 45%, ha un impatto ancora maggiore degli altri fattori di rischio tradizionali.

Questo studio mostra come sia molto importante un'informazione accurata sulle malattie cardiovascolari in famiglia. Grazie a queste informazioni, si possono attuare delle forme di prevenzione mirate, inoltre, in futuro, grazie alle tecniche post-genomiche si potranno curare i pazienti in base al proprio Dna creando delle terapie "personalizzate".

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook