UniversONline.it

Meno danni ai neuroni dopo un ictus - E' stato individuato il processo che decide se un neurone deve rimanere vivo o morire in seguito a un ictus.

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Meno danni ai neuroni dopo un ictus

Meno danni ai neuroni dopo un ictus

Sulla rivista Nature Medicine sono stati pubblicati i risultati di una ricerca condotta in Germania che ha individuato il processo che decide se un neurone deve rimanere vivo o morire in seguito a un ictus.

I ricercatori guidati da Markus Schwaninger, hanno scoperto che dopo un ictus i neuroni coinvolti presentano un aumento di attività provocata dall'attivazione di una rete di comunicazione interna al neurone nota come NF-kB.

Anche se questo fenomeno era conosciuto già da tempo, non se ne conoscevano i principi. Per approfondire lo studio i ricercatori hanno creato dei sofisticati modelli animali di ictus dove la rete di comunicazione NF-kB potesse essere controllata a piacimento.

Agendo come su un interruttore sulla molecola IKK2, si è notato che quando la rete di comunicazione non è attiva, bloccando IKK2, i neuroni colpiti da ictus sopravvivono. Al contrario attivando IKK2, i neuroni colpiti vanno incontro ad apoptosi molto più rapidamente.

La possibilità di realizzare un farmaco che agisca spegnendo IKK2 sono molto auspicabili, questo perché si ottengono degli effetti protettivi anche a distanza di alcune ore dall'icus. Il più delle volte il paziente deve essere trasportato in ospedale e essere sottoposto ai dovuti controlli prima dell'inizio della terapia, essendo quindi efficace anche a distanza di ore i farmaco potrà essere adoperato concretamente anche in condizioni reali.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook