UniversONline.it

Rimozione ovaie ! Non sempre è utile - Una recente indagine evidenzia come il 90% delle asportazioni di utero effettuate ogni anno non sono legate alla presenza di un cancro

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Rimozione ovaie! Non sempre è utile

Rimozione ovaie!

Una recente indagine condotta dall'università della California, evidenzia come il 90% delle asportazioni di utero effettuate ogni anno non sono legate alla presenza di un cancro.

Secondo i medici che hanno condotto questa ricerca, in molti casi la rimozione delle ovaie potrebbe essere inutile, se non addirittura pericolosa.

In questa fetta di interventi chirurgici del 90%, circa la metà includono nell'isterectomia la rimozione delle ovaie. Le statistiche però non hanno dimostrato un allungamento della vita nelle pazienti alle quali è stata effettuata l'asportazione ovarica.

In cosa consiste l'isterectomia ?

L'isterectomia è l'asportazione di un organo femminile vitale, l'utero. A volte vengono anche rimosse le ovaie, le tube di Falloppio e la cervice.

Ci sono sempre più medici che sono concordi che l'unica ragione per la quale sia veramente necessario sottoporre una donna a isterectomia sia la presenza di un cancro negli organi riproduttivi, purtroppo sono ancora molto elevati gli interventi di questo tipo su donne che non ne avrebbero bisogno.

Una donna che si sottopone a isterectomia subisce una trasformazione radicale della propria vita, a volte anche con conseguenze molto "pesanti" come le seguenti:

  • Dopo l'asportazione si avrà una menopausa "immediata", con tutti i sintomi legati.
  • Senza le ovaie una donna correrà per sempre il rischio di osteoporosi e malattie cardiache.
  • Il 50% di tutte le pazienti sviluppa complicazioni dopo l'intervento, alcune di queste molto gravi.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook