UniversONline.it

Tumori al seno: terapia con radiazioni - Oltre il 40 per cento delle donne con cancro al seno, dopo l'operazione, effettuano una terapia con radiazioni

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Tumori al seno: terapia con radiazioni

Tumori al seno: terapia con radiazioni

Oltre il 40% delle donne con cancro al seno, dopo l'operazione, effettuano una terapia con radiazioni. Gli studi condotti negli anni '70 mostravano che questa terapia, esponendo anche il cuore a radiazioni, a lungo termine aumentava il rischio di morte per malattie cardiache. Nonostante ciò, si è continuato ad usare le radiazioni perché il beneficio che si aveva nel combattere il tumore era superiore al rischio di problemi cardiaci.

Nel corso degli anni si è migliorata la terapia con radiazioni permettendo di controllare con attenzione le dosi somministrate. A questo proposito uno studio pubblicato nel Journal of the National Cancer Institute, indica che i rischi cardiaci sono stati notevolmente ridotti, se non addirittura eliminati.

Lo studio ha analizzato i dati relativi alle pazienti a cui è stato diagnosticato un tumore al seno tra il 1973 e il 1989. I ricercatori hanno scoperto che tra il 1973 e il 1979 il 13,1% delle donne con cancro al seno sinistro (che sottoponevano il cuore a più radiazioni) sono morte per malattie cardiache, contro il 10,2% delle donne a cui era stato diagnosticato il cancro nella parte destra del seno.

Tuttavia, tra il 1980 e il 1989 c'è stata una significativa diminuzione nella mortalità. Si ritiene che questo sia dovuto ai miglioramenti della terapia radioattiva che attacca unicamente le cellule cancerogene e non quelle sane.

La ricercatrice Sharon Giordano ritiene che i miglioramenti nelle tecniche radioattive hanno avuto un grande impatto nella diminuzione della mortalità per malattie cardiache causate dalle radiazioni. La dottoressa Giordano sostiene che "questo studio dovrebbe rassicurare le pazienti. Le radiazioni oggi sono più sicure e c'è un rischio ridottissimo, se non inesistente, di future malattie cardiache dovute alla somministrazione di radiazioni."

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook