UniversONline.it

Il primo paziente guarito da diabete di tipo 1 - Primo paziente affetto da diabete di tipo 1 curato nel Regno Unito con un trapianto di cellule beta (produttrici di insulina)

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Il primo paziente guarito dal diabete di tipo 1

Guarito dal diabete di tipo 1

Richard Lane un uomo di 61 anni, è il primo paziente affetto da diabete di tipo 1 curato nel Regno Unito con un trapianto di cellule beta (produttrici di insulina) prelevate da pazienti deceduti. Il trapianto è stato effettuato al King's College Hospital di Londra. Le cellule beta sono presenti normalmente nel pancreas ma, non sono presenti negli individui affetti da diabete di tipo 1.

Per ora i risultati dell'operazione sono soddisfacenti e si spera che Richard Lane non debba più sottoporsi a iniezioni di insulina. Alcuni pazienti che hanno subito questo tipo di intervento, non avevano ottenuto gli stessi risultati e se pure in maniere ridotta rispetto a prima devono ancora assumere insulina attraverso le iniezioni. L'uomo è stato sottoposto a tre trapianti, due l'anno scorso e uno quest'anno e sostiene di non essersi mai sentito così bene negli ultimi trent'anni.

Questa tecnica sperimentale è stata usata per la prima volta in Canada 18 mesi fa.

Differenze fra diabete di tipo 1 e diabete tipo 2

Diabete di tipo 1

Questo tipo di diabete non è causato dallo stile di vita, in questo caso, si riscontra un'assoluta mancanza di insulina poiché il paziente non possiede cellule beta in quanto sono state distrutte dal sistema immunitario dell'individuo.

Diabete di tipo 2

Le cellule beta sono presenti nell'organismo del paziente ma non si produce abbastanza insulina. L'insulina non funziona molto bene in quanto il paziente sviluppa una resistenza insulinica. Questa patologia viene curata spesso tramite la dieta, l'esercizio fisico e i medicinali. Alcuni pazienti hanno bisogno di iniezioni di insulina. Spesso il diabete di tipo due è causato dallo stile di vita.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook