UniversONline.it

Ictus : Farmaco TPA per pochi pazienti - TPA, Pochi pazienti ricevono il farmaco per l'ictus

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Farmaco TPA : Pochi pazienti ricevono il farmaco per l'ictus

Farmaco TPA contro l'ictus

New Orleans - Dieci anni fa, un'importante studio ha provato che un farmaco poteva limitare i danni di uno dei più gravi traumi: un coagulo di sangue nella testa.

Il farmaco TPA ha dimostrato una grande efficacia nel dissolvere i blocchi che mettevano in pericolo le regioni cerebrali, il primo paziente a cui è stato somministrato, un uomo di 67 anni, ha riacquistato la capacità di camminare e parlare mezzora dopo la sua somministrazione.

Il TPA rimane l'unico farmaco approvato per l'ictus. Eppure solo il 3 percento dei pazienti ne fanno uso.

Di solito questo avviene perché i pazienti si rivolgono al personale sanitario quando è già troppo tardi perché il medicinale sia efficace, infatti il farmaco deve essere somministrato entro tre ore dalla presentazione dei sintomi.

In ogni caso, di recente si è documentato che anche nei casi in cui ci si rivolge in tempo alle strutture ospedaliere (circa un caso su cinque) si presentano dei problemi che impediscono l'immediata somministrazione del farmaco. Uno studio presentato ad una conferenza dell'Associazione Americana Ictus ha mostrato che:

  • Gli operatori che rispondono al telefono negli ospedali spesso non riconoscono i sintomi dell'ictus e dissuadono i pazienti dal recarsi nelle strutture sanitarie.

  • Le ambulanze di solito portano le persone negli ospedali più vicini invece che nelle strutture più attrezzate e che hanno gli expertise adeguati per la somministrazione del TPA.

  • I medici del pronto soccorso si preoccupano degli effetti collaterali potenzialmente seri del farmaco e non sono disposti ad usarlo anche quando i risultati dei test mostrano chiaramente che dovrebbero.

  • Anche molti centri specializzati che dovrebbero somministrare il medicinale senza problemi spesso non lo fanno.

" È come se avessimo dato vita a una struttura che può dare solo fallimenti. " Ha detto Dr. Larry Goldstein, direttore del programma sugli ictus del Centro Medico dell'Università di Duke e membro della taskforce che ha il compito di migliorare la situazione.

La taskforce dell'associazione sugli ictus ha trasmesso di recente un piano dettagliato su come gli ospedali e le comunità possano migliorare la cura degli ictus.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook