UniversONline.it

SanitÓ in carcere - I detenuti, al pari dei cittadini in stato di libertÓ hanno diritto a prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione, efficaci e appropriate

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

SanitÓ in carcere

SanitÓ in carcere

I detenuti, al pari dei cittadini in stato di libertÓ hanno diritto a prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione, efficaci e appropriate. Cosý replica il primo articolo del decreto legislativo n.230, del 22 giugno 99; che ho avuto casualmente sotto il naso pochi giorni fa mentre sfogliavo una rivista. Ho appreso inoltre che la stessa legge prevedeva che, dal gennaio 2000, l'assistenza sanitaria ai detenuti tossicodipendenti doveva passare dal ministero di Giustizia a quello della salute e alle Regioni.

A due anni di distanza, nelle prigioni non Ŕ cambiato niente e qualcuno lancia un grido dall'allarme.

Tutti chiedono che venga accelerato l'iter del decreto, tutti sostengono che bisogna recuperare il tempo perso, altri temono il peggio: ossia sostengono che il governo stia svuotando progressivamente il contenuto del decreto legislativo del 99, mentre molti altri denunciano tagli consistenti per tutto il 2002: circa il 20 per cento in meno per il servizio di guardia medica, meno 20 per cento per l'assistenza infermieristica e meno 50 per i prodotti farmaceutici.

Mi sembra di non intravedere validi spiragli che possano portare a dei miglioramenti delle condizioni sanitarie dei tossicodipendenti e dei detenuti tutti.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook