UniversONline.it

Legame tra la malaria e il riscaldamento globale - I ricercatori contestano il legame tra la malaria e il riscaldamento globale

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

I ricercatori contestano il legame tra la malaria e il riscaldamento globale

Zanzara anofele - malaria

Alla lista delle conseguenze previste in seguito al riscaldamento globale, i ricercatori hanno aggiunto in questi ultimi anni una preoccupante possibilitÓ: una maggiore incidenza delle malattie. La logica che sta dietro questa previsione Ŕ abbastanza facile da capire. Gli insetti che trasmettono le malattie - le zanzare, per esempio - spesso prosperano in climi caldi. La malattia forse pi¨ preoccupante da questo punto di vista Ŕ la malaria, che giÓ uccide ogni giorno migliaia di persone. Una recente ondata di malaria, diffusasi nelle zone elevate dell'Africa Orientale sembra calzare a pennello con questa teoria. Eppure i ricercatori oggi annunciano che non vi Ŕ alcun legame tra l'epidemia e le condizioni climatiche e in particolare il riscaldamento globale.

Lavorando sui dati climatici degli ultimi 95 anni, Simon Hay dell'UniversitÓ di Oxford ha analizzato insieme ai suoi colleghi i movimenti climatici delle zone ad elevata altitudine. La temperatura, le precipitazioni, la pressione e il numero di mesi in cui le condizioni climatiche erano favorevoli alla trasmissione della malaria, annunciano i ricercatori nel loro rapporto, "non sono cambiati significativamente nell'ultimo secolo o nel periodo di insorgenza dell'epidemia".

Ma, se l'aumento della temperatura non ha provocato l'epidemia malarica, quale ne Ŕ stata la causa? Secondo la squadra di studiosi, fattori economici, politici e sociali potrebbero spiegare l'accaduto.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook