UniversONline.it

Far appassire i tumori prima che questi si sviluppino - Alcuni composti vegetali potrebbero far appassire i tumori prima che questi si sviluppino

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Far appassire i tumori prima che questi si sviluppino

Far appassire i tumori

Alcuni di composti vegetali, estratti dall'arbusto australiano di acacia victorie potrebbero far parte della prossima generazione di farmaci atti a prevenire il cancro. Secondo un recente rapporto, questi prodotti chimici, chiamati avicins, sono capaci di ridurre la comparsa dei tumori benigni nei topi esposti a sostanze cancerogene nonché interferire con quelle proteine che giocano un ruolo fondamentale nelle infiammazioni.

Il cancro si sviluppa secondo determinate tappe. Nei tumori della pelle il processo può iniziare con la mutazione di un singolo gene come l'H-ras. Gli elementi chimici d'ossidazione quale il perossido d'idrogeno si accumulano, causando, durante lo sviluppo dell'infiammazione, numerose mutazioni e cambiamenti nel numero dei cromosomi.

Infine l'apoptosi, o suicidio programmato delle cellule, non si compie, e queste cellule alterate si liberano. Ma se dei freni vengono introdotti durante le prime fasi di questo processo, il cancro non riesce a svilupparsi. Era già noto che gli avicins fossero in grado di neutralizzare alcune di queste mutazioni che annunciano il cancro, ma ora gli scienziati ne hanno svelato nuove e straordinarie potenzialità. I ricercatori di diversi istituti, tra cui quelli dell'M. D. Anderson Cancer Center all'Università del Texas e i loro colleghi dell'Università di Stato dell'Arizona, hanno applicato un potente agente cancerogeno, ricavato dal fumo delle sigarette, sulla pelle di alcuni topi di laboratorio, alcuni dei quali erano stati pretrattati con avicins. I roditori che avevano ricevuto questo tipo di cura preventiva, hanno sviluppato papillomi benigni (i primi segnali d'allarme di un cancro in sviluppo) con una percentuale dal 40 al 60 percento in meno a seconda della maniera in cui l'agente cancerogeno era stato applicato, rispetto ai topi non trattati. Questi animali hanno mostrato inoltre una forte diminuzione delle mutazioni nel gene H-ras, nel numero dei cromosomi, minori danni al DNA provocato dall'ossidazione di sostanze chimiche e infiammazioni.

Nello studio di parte della risposta al pretrattamento, è stato riscontrato che gli avicins mantengono la trascrizione del fattore kB del nucleo (NF-kB) fuori dal nucleo stesso, dove stimola il sistema immunitario e la reazione di infiammazione e, se lasciato agire, potrebbe impedire l'apoptosi. I ricercatori concludono che l'avicins potrebbe un giorno giocare un ruolo importante nella prevenzione del cancro della pelle e delle patologie che seguono un percorso di sviluppo simile.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook