UniversONline.it

Le rigenerazione dei terminali nervosi - Uno dei modi per far ricrescere i nervi danneggiati potrebbe essere quello di elettrificarli

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Le rigenerazione dei terminali nervosi

rigenerazione dei terminali nervosi

Allo stesso modo in cui si riesce ad accendere una macchina collegando la sua batteria a quella di un altro veicolo attraverso dei morsetti, uno dei modi per far ricrescere i nervi danneggiati potrebbe essere quello di elettrificarli. Uno studio portato a termine questo mese mostra come la corrente elettrica sia in grado di stimolare alla crescita le cellule nervose in stadio embrionale. Questo ha fatto nascere negli studiosi la speranza che gli stessi risultati possano essere ottenuti nelle cellule adulte.

Le cellule nervose durante lo sviluppo embrionale devono trovare la strada da percorrere attraverso lunghe distanze lungo il midollo spinale e il cervello. L'estremità in crescita di un nervo, o "cono di crescita" incontra delle molecole guida che gli indicano il percorso da seguire. Ma è risultato evidente che anche i segnali elettrici trasportati dalle cellule nervose aiutano quest'ultime a scegliere la giusta strada. "Noi sospettiamo che l'attività elettrica possa influenzare anche il modo di disporsi delle fibre nervose" è l'opinione di Mu-ming Poo, dell'Università della California a Berkeley. Così la squadra diretta da Poo ha rivolto i propri studi verso un animale con un cervello molto piccolo: la rana.

I ricercatori hanno trasmesso brevi scariche elettriche attraverso le colture dei neuroni di rana in fase di sviluppo. Quando i neuroni stimolati giungono ad un "segnavia" cellulare che dice loro di cambiare direzione, questi si comportano in maniera molto diversa rispetto alle cellule non stimolate. Segnali che normalmente non danno alcun effetto provocano la crescita neurale; segnali che di norma fanno arretrare la crescita dei neuroni si comportano in maniera opposta. "La stimolazione elettrica può alterare il comportamento di un cono di crescita" conferma Christine Holt dell'Università di Cambridge, che lavora sul comportamento dei neuroni nel cervello delle rane. "E, fatto interessante, può essere d'aiuto nella crescita stimolata".

La Holt non sembra però convinta del fatto che i neuroni utilizzino impulsi elettrici durante il loro normale sviluppo. Prima che siano sviluppati del tutto, i neuroni in crescita mostrano livelli piuttosto bassi di attività elettrica spontanea. "Non sappiamo ancora se questo risulta importante nella guida del loro sviluppo".

La stimolazione elettrica fa aumentare il livello critico di una molecola di segnalazione presente nella cellula chiamata AMP ciclica (cAMP), che determina l'azione dei coni di crescita. La Holt pensa che, durante lo sviluppo, i coni di crescita si imbattano in molti segnali da cui dipende il controllo del livello di cAMP. "La stimolazione elettrica alimenta questo sviluppo".

Ciononostante i risultati ottenuti da Poo potrebbero risultare molto importanti nel comprendere la rigenerazione delle fibre nervose adulte dopo una lesione. A differenza dei neuroni embrionali, i neuroni adulti danneggiati non ricrescono, in parte perché certe molecole, laddove avviene la lesione, smettono di svilupparsi. Poo pensa che questi impulsi elettrici possano costituire "un mezzo efficace per favorire la ricrescita dei nervi".

"Livelli molto alti di cAMP possono sopraffare gli inibitori alla crescita" spiega Marie della Città Universitaria di New York, che lavora su metodi chimici, piuttosto che elettrici, di stimolazione della rigenerazione dei neuroni nel cervello. "L'attività elettrica non è altro che uno dei meccanismi per aumentare il livello di cAMP".

In ogni caso la stimolazione elettrica ha anche l'effetto di abbassare il livello di un secondo segnale cellulare critico, il cGMP, e la corretta stimolazione della crescita dei nervi presuppone livelli ottimali di entrambi. "Infine, vorrei tentare entrambe le vie, elettrica e farmacologica, per ottenere la rigenerazione" conclude la Filbin.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Articoli di medicina e salute correlati

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook