UniversONline.it

Allarme Aids - Oggi ci sono più di 50 milioni di persone con l'Aids

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Allarme Aids

Allarme Aids

Le statistiche fanno sempre più paura, è dicono che oggi ci sono più di 50 milioni di persone con l'Aids. Gli studiosi stanno cercando ormai da tempo di trovare un vaccino che possa perlomeno rallentare la devastante azione di questo virus. Le ricerche sono rallentate dal continuo mutare che ha l'Hiv. I ricercatori sembra abbiano trovato un modo di attaccare il virus, spaccandolo e facendo attaccare le sue parti interne dal sistema immunitario. Infatti riuscire a stimolare il sistema immunitario sembra si sempre la scelta più indicata, in modo tale da persuadere il corpo a produrre anticorpi per combattere l'infezione che porti all'immunità. Il vaccino creato è stato ottenuto da un virus di Aids ucciso. Non solo l'Hiv è un virus mutante.

Le parti fondamentali per la sua identificazione si trovano all'interno e vengono esposte soltanto brevemente quando, per esempio, il virus agguanta una cellula che sta per infettare. Spiegando meglio l'esperimento notiamo che il virus dell'aids è stato messo fuori uso dal calore, senza però separarlo dal suo involucro esterno. Questo perché le parti nascoste dell'involucro virale hanno un ruolo importante nella stimolazione degli anticorpi dell'Hiv. Nel guardare il nostro virus morto, siamo rimasti sorpresi nello scoprire che non solo abbiamo esposto le sue parti nascoste, ma che ne abbiamo conservato l'involucro virale". Il nuovo vaccino è stato testato sui campioni sanguigni di tre malati di Hiv. Con enorme sorpresa, i ricercatori hanno scoperto che le cellule dei pazienti infettati hanno cominciato a secernere il gamma interferon, una miscela immunitaria prodotta dal corpo per combattere i virus. Al contrario, le cellule dei soggetti sani, una volta esposti al vaccino non hanno secreto la proteina. Il gamma interferon ha mostato che le cellule di una persona Hiv positiva si sono ricordate del virus dell'Aids da quando il soggetto è stato inizialmente infettato. Ora il vaccino verrà testato sugli animali poi si cercherà ti riprovarlo sull'uomo nella speranza che finalmente questo incredibile male venga sconfitto per sempre.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook