Preistoria : Uomo di Neanderthal, aveva una voce umana? - Articoli di preistoria - L'uomo di Neanderthal aveva una voce umana o era più simile al verso di un animale?

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Uomo di Neanderthal, aveva una voce umana?

Uomo di Neanderthal: aveva una voce umana?

L'uomo di Neanderthal aveva una voce "umana" o era più simile al verso di un animale? Una risposta a questa domanda potrebbe arrivare dai risultati di uno studio, coordinato dall'antropologo Robert McCarthy, condotto da un gruppo di ricercatori dell'Atlantic University (Boca Raton - Florida). Partendo da dei modelli fossili rinvenuti in Francia e in Inghilterra, i ricercatori sono riusciti a ricostruire la laringe di un uomo di Neanderthal.

Secondo il paleontologo William Strauss, se un uomo di Neanderthal fosse catapultato nella società attuale, nessuno farebbe caso a lui. Questo ovviamente accadrebbe se indossasse dei vestiti moderni e capelli e barba fossero curati. Il paleontologo spiega che tra l'uomo moderno e il suo più illustre predecessore non vi sono tante differenze nell'aspetto, cosa che invece non si può dire per la voce.

Dopo aver ricostruito l'anatomia della laringe dell'uomo di Neanderthal, utilizzando le più moderne tecnologie in campo di sintetizzatori sonori sono riusciti a simulare le vocali e le consonanti che quella laringe poteva riprodurre. In base ai risultati ottenuti sembrerebbero smentite quelle teorie che ritenevano i nostri antenati incapaci di un vero linguaggio.

Il professor McCarthy spiega che molto probabilmente l'uomo di Neanderthal, anche se con un numero inferiore di suoni ai quali probabilmente corrispondeva un significato, possedeva un linguaggio simile al nostro.

In base ai test fatti, il linguaggio dei nostri antenati non possedeva le vocali a, i, u; vocali che invece contraddistinguono la parlata dell'uomo contemporaneo.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Altri articoli correlati

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook