UniversONline.it

Le percentuali del sesso ... - Sessualitā  e Salute: Le percentuali del sesso ... - La frequenza dei rapporti sessuali č importante? Esiste una frequenza ideale o normale? In realtā 

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Le percentuali del sesso ...

percentuali del sesso

La frequenza dei rapporti sessuali č importante? Esiste una frequenza ideale o normale? In realtā  questa non dovrebbe esistere, nessuno dovrebbe sentirsi costretto al rapporto sessuale. L'uomo, si sa, raggiunge il suo apice di attivitā  intorno ai vent'anni quando il sesso č il suo chiodo fisso. L'intervallo minimo tra un orgasmo e l'altro varia per l'uomo in funzione dell'etā : intorno ai vent'anni si č "nuovamente pronti" dopo venti minuti, ai quaranta occorre aspettare almeno un'ora, infine oltre un giorno dopo i cinquanta. Per quanto riguarda la donna č risaputo, durante l'allattamento e la menopausa il desiderio cala, ma al contrario dell'uomo l'attivitā  aumenta notevolmente intorno i trenta, quarant'anni. Per le coppie stabili la frequenza varia a seconda del periodo dell'unione, nei primi due anni č molto elevata, cala successivamente e talvolta si ripristina nei primi anni di convivenza o di matrimonio, quando si danno libero sfogo alle prestazioni. Secondo le statistiche solo l'1,1% degli italiani lo fa tutti i giorni, il 25% una volta alla settimana e l'1,2% una volta al mese. Le cifre non sono molto consolanti, due problemi principali affliggono i due sessi: per le donne l'incapacitā  di raggiungere l'orgasmo e la paura di avanzare richieste al proprio partner, per gli uomini l'ansia da prestazione. Il quadro non č roseo ma neppure triste, gli italiani continuano a sentirsi prestanti e abili a letto!

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook