UniversONline.it

Tappo di cerume: come toglierlo senza danni - Quale è il modo migliore per togliere il tappo di cerume dalle orecchie senza danneggiarle? Prima di spiegare le varie procedure, vediamo di capire cosa è il...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Tappo di cerume: come toglierlo senza danni

Tappo di cerume

Quale è il modo migliore per togliere il tappo di cerume dalle orecchie senza danneggiarle? Prima di spiegare le varie procedure, vediamo di capire cosa è il cerume, a cosa serve e come prevenirne l'accumulo all'interno dell'orecchio. Per introdurre questo argomento possiamo partire dal alcune linee guida stilate dall'American Academy of Otolaryngology. Tali indicazioni sulla salute delle orecchie sono state aggiornate e ripubblicate sul Journal Otolaryngology - Head and Neck Surgery [Clinical Practice Guideline (Update) - Earwax (Cerumen Impaction) - Vol 156, Issue 1_suppl, 2017].

Seth R. Schwartz, primo autore della pubblicazione, spiega che spesso si è portati a credere che il cerume sia sinonimo di scarsa igiene e si cerca di far di tutto per toglierlo, una pratica che in molti casi può arrecare anche dei danni permanenti all'udito e all'orecchio. In realtà il cerume svolge un ruolo molto importante, grazie a questa sostanza cerosa giallastra si lubrifica il condotto uditivo e si protegge la parte più profonda dalla polvere, dallo sporco e da altre particelle potenzialmente pericolose quali ad esempio funghi e batteri.

Pretendere di avere un orecchio privo di cerume, esagerando quindi con la pulizia, non potrà che causare più danni che benefici e potremo essere noi stessi a creare le condizioni ideali per la formazione di un accumulo di cerume e il conseguente tappo.

L'aggiornamento del documento è importante sia per gli specialisti in Otorinolaringoiatria che per i pazienti. Anche se è vero che alcune procedure utili a gestire l'accumulo di cerume nelle orecchie, per evitare possibili danni all'orecchio, devono essere eseguite solo dai medici, i pazienti possono mettere in pratica una serie di operazioni idonee a migliorare la salute delle orecchie al fine di prevenire anche il classico tappo di cerume che compromette l'udito.

Come già detto, il cerume non è sinonimo di sporco, è bene quindi evitare alcune pratiche di eccessiva igiene che potrebbero risultare dannose per le orecchie. La fase della masticazione, il movimento della mandibola quando si parla, il ricambino naturale ella pelle nel canale uditivo e l'azione di microscopici peli, aiutano a spingere verso l'esterno il cerume "vecchio" che ha imprigionato al sui interno polvere, sporco e altre piccole particelle. Questo viene poi rimosso facilmente, ad esempio, quando ci facciamo la doccia. Il cerume fa quindi parte di un processo di auto-pulizia che contribuisce a mantenere in salute l'apparato uditivo. In alcuni casi può però capitare che questo processo di auto-pulizia si inceppi, di conseguenza si formano degli accumuli di cerume in grado di bloccare in parte o, in caso di un tappo di cerume, totalmente, il canale uditivo. L'accumulo di cerume nelle orecchie è un problema che colpisce più i bambini degli adulti, si presenta infatti in circa 1 bambino su dieci e in 1 adulto su 20.

Per eliminare il cerume dalle orecchie, o pensando di prevenire la formazione del tappo, molte persone utilizzano diversi strumenti quali bastoncini di cotton fioc e altri strumenti ancor meno opportuni quali ad esempio graffette, mollette o unghie. Gli esperti spiegano che queste sono pratiche da evitare perché invece di eliminare il cerume si rischia di spingerlo verso l'interno del canale uditivo. Oltre a non stappare le orecchie c'è inoltre il rischio di danneggiare, temporaneamente o permanentemente, il canale e il timpano stesso.

Come detto, se si agisce in maniera inappropriata, spesso si ottiene quindi un effetto opposto. Invece di pulire le orecchie, si spinge la sostanza in profondità nel canale uditivo andando a creare un tappo di cerume. Quali sono quindi le pratiche opportune che tutti possiamo mettere in atto e quali invece andrebbero evitate?

Come prevenire il tappo di cerume e pulire le orecchie correttamente

Vediamo alcune indicazioni che valgono sia per l'adulto che per i più piccoli. Le mamme che sono alla ricerca di informazioni su come pulire le orecchie dei bambini possono attenersi a quanto stiamo per dire. Se proprio ci dovesse essere un tappo di cerume, questo deve essere asportato dall'Otorinolaringoiatra o dal pediatra se dispone della giusta manualità e degli strumenti opportuni. Solo in alcune situazioni, dopo che lo specialista ha valutato il caso specifico, potrà suggerire l'utilizzo di spray di soluzione fisiologica per la pulizia dell'orecchio del bambino.

Tappo di cerume rimedi
  • La prima regola per avere orecchie "pulite" e sane è quella di non pulirle troppo spesso. A parte il normale lavaggio che si può fare esternamente durante la doccia, un eccessiva pulizia con altri strumenti può aumentare l'accumulo di cerume nelle orecchie, si può irritare il condotto uditivo e si incrementa il rischio di infezioni. Le orecchie si possono lavare allo stesso modo di come si lavano le mani e la faccia, basta un po' di sapone con acqua nella parte esterna per tenerle pulite. Per asciugarle, invece di infilare un lembo dell'asciugamano o la carta igienica, il phon utilizzato ad una adeguata distanza può essere una valida alternativa.

  • Evitate di inserire nell'orecchio qualsiasi cosa che sia più piccola del diametro del proprio gomito. Molte persone sottovalutano i rischi che ci possono essere utilizzando ad esempio dei cotton fioc (in alcuni casi si utilizzano anche forcine, graffette, ecc. ), non di rado al pronto soccorso arrivano persone con danni all'orecchio o perforazione del timpano perché stavano cercando di pulirlo in maniera inappropriata. L'utilizzo dei cotton fioc ha anche un altro effetto controproducente che può favorire la formazione del tappo di cerume. Strofinando il condotto uditivo con i bastoncini di cottone si elimina quell'apparato pilifero che aiuta l'orecchio a restare pulito.

  • Non cercate di stappare le orecchie con i coni per la pulizia delle orecchie (coni di cera o candele per le orecchie). La loro efficacia non è stata mai dimostrata e oltre a non risucchiare il cerume si rischia di danneggiare, con bruciature, il canale uditivo. Un altro effetto collaterale delle candele per orecchie può essere un accumulo di cera nelle orecchie con conseguente infezione. Nessun otorinolaringoiatra vi suggerirà mai l'utilizzo del cono di cera per stappare le orecchie, non perché questo potrebbe evitarvi una visita dallo specialista ma perché il prodotto di combustione che costituisce il cono può finire nel condotto uditivo esterno solidificandosi. Un'eventualità che, nella migliore delle ipotesi, tappa ulteriormente l'orecchio.

  • Per prevenire i tappi di cerume, in alcuni casi, potrebbe essere utile un prodotto da banco noto come gocce auricolari. L'applicazione di alcune gocce ceruminolitiche più volte al giorno può aiutare a rendere il cerume meno secco agevolandone la fuoriuscita dal condotto uditivo mediante il processo di self-cleaning. Le gocce ceruminolitiche vengono solitamente utilizzate dall'otorino, sopratutto in presenza di tappi vecchi, per ammorbidire il cerume prima del lavaggio (un processo che viene effettuato mediante della normale acqua e una siringa ad anelli con un beccuccio stretto adatta per asportare completamente il tappo).

  • Nei casi in cui rilevate un calo dell'udito, un accumulo anomalo di cerume o dolore all'orecchio, il primo consiglio è sempre quello di rivolgervi ad un medico. Quando di mezzo c'è la salute è sempre meglio evitare dei rimedi fai-da-te e consultare uno specialista.

Tappo di cerume nei bambini e negli adulti: perché si forma?

Se è vero che l'orecchio è in grado di pulirsi da solo, come mai a volt e si forma un tappo di cerume nell'orecchio? In alcuni casi il processo di self-cleaning non funziona come dovrebbe, le cause possono essere diverse. Patologie a carico della pelle quali ad esempio dermatosi o psoriasi, anomalie anatomiche del condotto uditivo quali ad esempio osteomi ed esostosi, possono favorire l'accumulo di cerume con la conseguente formazione del tappo. Una condizione fisica caratterizzata da un calo uditivo e una sensazione di ovattamento auricolare.

Tappo cerume bambini

Oltre alle patologie sopra descritte, un'altra situazione che potrebbe portare alla formazione del tappo è l'iper-produzione di cerume. Gli individui che presentano questa condizione, se non esportano periodicamente a livello ambulatoriale l'eccesso, potrebbero avere un effetto negativo sull'udito. Di per se, raramente il tappo di cerume è responsabile di problemi rilevanti all'orecchio. In alcuni casi può però destare un certo allarme in quanto, in soggetti che non lo hanno sperimentato prima, può spaventare la sensazione di sordità improvvisa.

Nelle persone che non presentano le condizioni descritte fino ad ora si possono tappare le orecchie dopo una doccia, un bagno in piscina o al mare. Questo avviene perché il cerume è una sostanza igroscopica, di conseguenza, se si bagna, potrebbe gonfiarsi fino ad ostruire completamente il condotto uditivo esterno. In certe situazioni il tappo di cerume potrebbe formarsi vicino alla membrana del timpano comportando una situazione sgradevole e a volte dolorosa per via di un'infiammazione.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook