UniversONline.it

Dieta detox 3 giorni o 15 giorni? meglio un sano stile di vita - Per ripulire il proprio organismo dalle tossine, meglio scegliere una dieta detox da 3 giorni o sceglierne una da 15 giorni? Nessuna delle due, per depurare...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Dieta detox 3 giorni o 15 giorni? meglio un sano stile di vita

Menu Dieta detox 3 giorni

Per ripulire il proprio organismo dalle tossine, meglio scegliere una dieta detox da 3 giorni o sceglierne una da 15 giorni? Nessuna delle due, per depurare l'organismo i regimi alimentari disintossicanti sono superflui. Le diete detox, almeno sulla carta, sono molto promettenti e negli ultimi anni sono diventate parecchio famose anche perché spesso vengono seguite da personaggi noti che le hanno fatte diventare una moda. Prima di intraprendere questo tipo di regime alimentare bisognerebbe però capire se effettivamente si possono avere dei benefici. Allo stato attuale non esistono prove scientifiche che la dieta detox elimini le tossine, ma ce ne sono molte che dimostrano l'efficienza del nostro organismo nell'eliminare scorie e tossine in maniera naturale. Non è la prima volta che si ribadisce l'inutilità di questo regime alimentare che va tanto di moda, il nuovo messaggio arriva da un gruppo di ricercatori della Milton Keynes Hospital.

Alla base di una dieta detox spesso ci sono dei beveroni costituiti da erbe, o altri rimedi alternativi, spesso tutt'altro che economici. Quando si sceglie questo regime alimentare lo si fa per purificare il corpo dagli eccessi alimentari, come quelli che si hanno ad esempio durante i periodi di festa. Tali diete, oltre a promettere una considerevole perdita di peso, secondo i fautori migliorerebbero i capelli, le unghie, la digestione e contribuirebbero a stimolare il sistema immunitario. Al lato pratico si tratta però di una moda inefficace che in alcuni casi può essere anche pericolosa. Di questo parere non sono solo gli esperti del Milton Keynes Hospital ma anche altri medici di tutto il mondo come ad esempio il prof. George Dresser (tossicologo, farmacologo e specialista di medicina interna presso la Western's Schulich School of Medicine and Dentistry).

Gli esperti spiegano che l'idea che questo tipo di dieta sia utile per eliminare dal proprio organismo un qualcosa di dannoso, o che non va bene per la propria salute, è errata, un risultato frutto di una informazione altrettanto sbagliata. A confermare la potenziale pericolosità di questo regime alimentare ci sono diversi casi clinici, alcuni di una certa entità come ad esempio quello della donna inglese ricoverata presso il Milton Keynes Hospital dopo aveva assunto un beverone a base di erbe e di integratori. La donna è svenuta ed è andata incontro ad un attacco epilettico dopo aver bevuto un mix di erbe a base di latte di cardo, glutammina, teanina, verbena, radice di valeriana, composti della vitamina B, molta acqua, salvia e tè verde. La scoperta è stata fatta dopo che dalle analisi del sangue sono stati rilevati valori molto bassi di sodio nel copro, un minerale indispensabile per numerosi processi vitali come il funzionamento nervoso e quello muscolare.

Spesso si pensa che i prodotti naturali siano privi di effetti collaterali, in realtà anche questi possono nascondere delle insidie. Addirittura l'acqua, che certi bevono in abbondanza per espellere tutte le sostanze di scarto ritenute pericolose, può essere "tossica". Esiste un caso clinico, noto come intossicazione da acqua o avvelenamento da acqua, caratterizzato da un'iperidratazione con grave iponatriemia (evento conseguente a una notevole assunzione di acqua per via orale, parenterale o a una sua ridotta escrezione).

La dieta detox viene bocciata anche dall'Associazione dei dietisti britannici, l'equivalente italiano dell'ANDID (Associazione Nazionale Dietisti). La stessa associazione che qualche tempo fa ha dichiarato che la dieta Dunkan, una dieta ad alto contenuto proteico che va molto di moda, è nella top 5 delle diete peggiori seguite dalle celebrità. Secondo i dietisti, il concetto di disintossicazione attraverso delle sostanze, assumibili ad esempio mediante tisane o beveroni, è assurdo. Gli specialisti spiegano infatti che non ci sono bevande, pillole, mix o lozioni miracolose che possono svolgere questo compito. Il nostro organismo è una macchina molto efficiente e possiede un sistema ben collaudato grazie al quale si purifica e rimuove tossine e scorie. Grazie ad organi quali l'intestino, i reni, il fegato e la pelle, il corpo si purifica continuamente da sostanze quali: scarti della digestione, batteri, alcol, farmaci, agenti chimici provenienti dall'inquinamento, ecc..

I fantomatici benefici delle diete detox sono più un mito commerciale che una realtà nutritiva. Molte delle promesse vengono notevolmente esagerate e non sono basate su dati scientifici, inoltre, i ridotti benefici che in alcuni casi si potrebbero osservare sono di breve durata. Il miglior metodo per aiutare l'organismo a purificarsi è una sana attività fisica (basterebbe anche camminare per 30 minuti al giorno). Da sfatare anche l'idea dei possibili benefici di un'altra moda degli ultimi anni, quella di saltare i pasti per stare meglio. Anche il digiuno può avere serie ripercussioni sull'organismo.

Per disintossicare l'organismo non è quindi importante seguire una dieta detox di 3 giorni o 15 giorni, è invece fondamentale seguire degli stili di vita sani tutto l'anno. Per aiutare il nostro corpo a tenersi "pulito" possiamo ridurre la mole di lavoro per gli organi preposti a questo compito riducendo i dolci, le carni rosse, i formaggi e i grassi proveniente da alimenti fritti. Via libera invece ad alimenti quali frutta fresca e verdura, cereali integrali e circa 1,5 - 2 litri di acqua al giorno (è bene ricordarsi che circa il 20-30 per cento dei liquidi di cui l'organismo ha bisogno vengono presi dagli alimenti quali ad esempio frutta e verdura).

Dieta detox 3 giorni

Per chi fosse curioso di sapere cosa prevede un menu di una dieta detox della durata di tre giorni, che promette di eliminare liquidi in eccesso e presunte tossine provenienti da stress, medicinali e alimenti conservati, di seguito ne riportiamo due diverse tipologie. Come già spiegato, questo non è però il modo corretto di disintossicare il proprio organismo, se volete ridurre il senso di pesantezza, rafforzare le difese immunitarie e rendere il fisico più resistente, bisogna seguire una dieta equilibrata (dove tutti i nutrienti sono presenti) abbinata a una sana attività fisica.

Dieta detox 3 giorni: 1° menu

Primo giorno

  • Circa un litro e mezzo di acqua

  • Centrifugato, ma volendo si possono mangiare anche non frullate, di verdure fresche di stagione senza condimento

  • Frutta fresca ad esclusione della banana

  • Due tazze di tè verde non zuccherato

  • Lo spuntino può consistere in una manciata di semi di zucca o in alternativa tre noci

Secondo giorno

Come il primo giorno ad esclusione delle due tazze di è verde. Esse devono essere sostituite con due tazze di tisana depurativa, senza zucchero, a base di ortica, genziana o altre piante officinali simili.

Terzo giorno

Il menu del terzo giorno coincide con quello del secondo giorno:

  • Un litro e mezzo d'acqua

  • Centrifugato di verdure fresche di stagione senza condimento

  • Frutta fresca ad esclusione della banana

  • Due tazze di tisana depurativa senza zucchero

  • Uno spuntino costituito da 3 noci o un pugno di semi di zucca

Dieta detox 3 giorni: 2° menu

In questo menu disintossicante ci sono anche le indicazioni specifiche per i vari pasti della giornata (colazione, pranzo, spuntino e cena).

Primo giorno

  • Colazione: si inizia con un mix di sciroppo d'acero e limone (280 ml di acqua calda, 2 cucchiai di sciroppo d'acero, 2 cucchiai di succo di limone e un pizzico di pepe di Cayenna), ad esso può essere associata una macedonia di frutta con uno yogurt magro e fiocchi d'avena integrali.

  • Pranzo: insalata di verdure crude di stagione alla quale si possono aggiungere delle patate, un po' di mais e del tonno. Il tutto può essere condito con un po' di salsa allo yogurt.

  • Spuntino: identico a quello del menu precedente (un pugno di semi di zucca o, in alternativa, tre o quattro noci).

  • Cena: Riso integrale accompagnato da un mix di verdure cotte in agrodolce condite con una salsa a base di aceto e miele.

Secondo giorno

  • Colazione: un vasetto di yogurt magro, fiocchi d'avena integrali e frutta secca.

  • Pranzo: un'insalata di verdure fresche di stagione.

  • Spuntino: una ciotola di frutta fresca, ad esempio ananas.

  • Cena: una zuppa, a base di fagioli e patate, preparate con cipolle, carote e dado vegetale.

Terzo giorno

  • Colazione: zuppa di avena integrale, nota anche come porridge, fatta con acqua, miele, banane e yogurt magro. La ricetta base prevede avena in fiocchi o crusca (dipende dalla consistenza finale che si vuole ottenere), una parte liquida (in questo caso acqua con un po' di yogurt magro) e qualcosa di dolce (come il miele o lo sciroppo d'acero), infine si aggiunge la banana tagliata a pezzettini.

  • Pranzo: insalata di verdure, con cetrioli, condita con una salsa allo yogurt, aglio e succo di limone. Il tutto può essere accompagnato da gallette integrali di avena.

  • Spuntino: 100 grammi di frutti di bosco.

  • Cena: trancio di salmone accompagnato da un contorno di patate al forno e verdure al vapore.

Si sconsiglia di seguire regimi alimentari di questo tipo per lunghi periodi, già una dieta detox di 15 giorni comporta delle serie carenze che potrebbero compromettere la salute.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook