UniversONline.it

Benefici cioccolato fondente e proprietà antitumorali - I benefici del cioccolato fondente sono numerosi: aiuta a combattere la carie dentale, contribuisce ad abbassare la pressione alta, previene infarti, ictus e...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Benefici cioccolato fondente e proprietà antitumorali

Cioccolato fondente e proprietà antitumorali

I benefici del cioccolato fondente sono numerosi: aiuta a combattere la carie dentale, contribuisce ad abbassare la pressione alta, previene infarti e ictus e, secondo una recente indagine, possiede anche proprietà antitumorali. Stando alle conclusioni di uno studio di un gruppo di ricercatori dell'Indiana University, alcune sostanze contenute nel cioccolato fondente contribuiscono a ridurre il rischio di tumore al pancreas, una neoplasia che nella forma maligna è molto aggressiva. I benefici sarebbero riconducibili al magnesio (Mg), un minerale presente in grandi quantità nel cioccolato fondente (un tipo di cioccolato che contiene almeno il 70 per cento di cacao). I risultati dello studio sono stati pubblicati sul British Journal of Cancer (Magnesium intake and incidence of pancreatic cancer: the VITamins and Lifestyle study - doi: 10 1038 / bjc 2015 382).

Daniel Dibaba, primo autore della ricerca, spiega che il magnesio, spesso assunto come integratore, non è presente in quantità rilevanti molti alimenti, il cioccolato fondente ne è però particolarmente ricco. Ka He, coordinatore dello studio, evidenzia che in precedenti studi si era rilevata una relazione inversa tra l'assunzione di magnesio e il diabete, in pratica un buon apporto di magnesio riduce il rischio di diabete di tipo 2. Pochi studi hanno però indagato sul ruolo del magnesio nell'insorgenza del cancro al pancreas nonostante casi di diabete possono comparire dopo la diagnosi di cancro del pancreas e le due patologie sono spesso correlate.

Per approfondire il legame tra il minerale e la neoplasia pancreatica, i ricercatori americani hanno analizzato i dati di un campione di 66.806 individui, costituito sia da uomini che da donne, con un'età compresa tra i 50 e i 76 anni. Dall'indagine è emerso che ad ogni diminuzione di 100mg nell'assunzione giornaliera di magnesio corrisponde un incremento del 24 per cento del rischio di tumore al pancreas.

Il tumore al pancreas è attualmente una delle neoplasie più insidiose, nelle prime fasi non dà segni particolari e anche quando sono presenti sintomi si tratta di disturbi piuttosto vaghi, che possono essere interpretati in modo errato sia dai pazienti sia dai medici. Statisticamente, il tasso di sopravvivenza a 5 anni è molto basso e questo rende la prevenzione e l'identificazione dei fattori di rischio associati con questa malattia molto importanti.

Nella fascia d'età sotto i 40 anni il tumore del pancreas è raro, l'incidenza sale invece tra i 60 e gli 80 anni. Particolarmente a rischio sono inoltre i fumatori, in queste persone vi è circa un rischio triplo rispetto ai non fumatori. Un altro fattore di rischio appurato, anche se attualmente non se ne comprendono ancora i dettagli, è rappresentato dal diabete non insulino-dipendente (il diabete di tipo 2, quello che in genere insorge dopo i 45 anni di età) e da alcune malattie genetiche rare quali la sindrome di von Hippel-Lindau.

Secondo gli autori dello studio, le persone più a rischio di cancro al pancreas dovrebbero avere un buon apporto giornaliero di magnesio. Sebbene il riscorso agli integratori di magnesio può rivelarsi utile nella prevenzione della neoplasia, il consiglio principale rimane quello di raggiungere un quantitativo adeguato di Mg, attraverso la dieta, assumendo alimenti quali: cioccolato fondente, verdure a foglia verde e frutta secca.

Quantitativo di magnesio negli alimenti

Per chi volesse raggiungere un buon apporto di magnesio senza ricorrere gli integratori, riportiamo di seguito i quantitativi di Mg contenuti in alcuni alimenti (quantità in mg per 100g di prodotto):

  • Crusca (420 mg)
  • Cioccolato fondente (292 mg)
  • Mandorle (260 mg)
  • Arachidi (167 mg)
  • Nocciole (160 mg)
  • Pistacchi (158 mg)
  • Noci (130 mg)
  • Mais (120 mg)
  • Cioccolato al latte (107 mg)
  • Lenticchie e spinaci (80 mg)
  • Carciofi (60 mg)
  • Pasta (57 mg)
  • Parmigiano (44 mg)
  • Pollo e tacchino (40 mg)
  • Banane (31 mg)
  • Carni rosse (20 mg)

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook