UniversONline.it

Tiroide e sale iodato - Si sa che troppo sale nella dieta fa aumentare la pressione, meglio quindi consumare poco sale; preferibilmente iodato così da avere dei benefici anche per...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Tiroide e sale iodato

Tiroide e sale iodato

Si sa che troppo sale nella dieta fa aumentare la pressione, meglio quindi consumare poco sale, preferibilmente iodato così da avere dei benefici anche per la tiroide. Un buon apporto di iodio è il modo migliore per assicurare un buon funzionamento della tiroide, purtroppo in molti casi non se ne assumono dei quantitativi sufficienti. Dell'importanza del sale iodato per la tiroide se ne è riparlato in occasione del VII Congresso dell'Associazione Italiana della Tiroide (Roma, Dicembre 2013).

Per capire quanto sia importante il sale iodato basti pensare che una legge del 2005 (Legge n. 55 del 21 marzo 2005) ha reso obbligatoria la vendita di questo alimento in tutti i punti vendita del territorio nazionale. Tutti dovremo assumere giornalmente un'adeguata quantità di iodio. Un adulto ha bisogno di circa 150 microgrammi ma in caso di gravidanza la dose va aumentata di 25 microgrammi e 50 microgrammi in caso di allattamento. I 150 microgrammi/die vanno bene anche per i ragazzi dagli 11 anni in su ma i quantitativi scendono per i più piccoli. I neonati sino a 6 mesi hanno un fabbisogno di 40 microgrammi, dai 6 mesi a 1 anno il fabbisogno è di 50 microgrammi. I bambini da 1 a 3 anni hanno un fabbisogno di 70 microgrammi, dai 4 ai 6 anni 90 microgrammi e dai 7 ai 10 anni 120 microgrammi.

Gli esperti evidenziano che anche dopo l'inserimento della legge sono ancora molti gli italiani che non utilizzano sale iodato. Stando ai dati presentati dall'osservatorio istituito dall'Istituto superiore di sanità, la percentuale di sale iodato utilizzato dalle famiglie italiane nel 2013 si ferma al 54 per cento, ben lontano dal 95 per cento raccomandato dall'Oms. Se da una parte la grande distribuzione ha recepito il messaggio, il sale iodato è infatti disponibile praticamente in tutti i supermercati, la ristorazione e l'industria alimentare deve fare ancora molto. Solo nel 23 per cento dei ristoranti nazionali è presente il sale iodato e solo il 10 per cento dei prodotti preconfezionati lo contengono. Una nuova legge, che dovrebbe essere approvata a breve dal Consiglio dei Ministri, obbligherà anche i ristoratori ad utilizzare il sale iodato. Per chi non si atterrà alla legge sono previste sanzioni fino a 6mila euro.

Quali sono le conseguenze di una carenza di iodio

Una carenza di iodio può causare il gozzo endemico (ingrossamento della tiroide) e l'ipotiroidismo (un tasso anormalmente basso di secrezione degli ormoni della tiroide, compresa la tiroxina). Scarsi livelli di iodio sono associati anche a un indurimento delle arterie, obesità, metabolismo lento, reazioni mentali rallentate, capelli secchi, polso rapido, palpitazioni cardiache, tremori, nervosismo, tensione e irritabilità. La carenza di iodio è stata recentemente associata anche al tumore al seno.

Una carenza di iodio potrebbe essere causata anche da un'eccessiva assunzione di particolari cibi crudi quali cavoli e noci. Quantità eccessive di questi cibi, in concomitanza a un insufficiente assunzione di iodio, possono interferire con l'utilizzazione dello iodio nella produzione dell'ormone tiroideo.

Proprio a causa del mancato uso di sale iodato, in alcune zone del nord Italia si ha un'incidenza del gozzo del 10 per cento e nel sud, dove i consumi sono ancora più bassi, si arriva anche al 15 per cento. Ben il 6,9 per cento dei bambini nascono inoltre con un deficit di iodio dovuto allo scarso apporto durante la gravidanza. Gli esperti ricordano che la carenza di iodio in gravidanza può portare a un ritardo del quoziente intellettivo del bambino. Inoltre i noduli alla tiroide possono degenerare in tumore e la carenza di iodio è una delle cause dell'ipotiroidismo, patologia molto diffuso negli adulti.

Quanto iodio c'è nel sale iodato?

Prima abbiamo visto quanto iodio bisogna assumere giornalmente a seconda dell'età, ma come facciamo a regolarci con l'alimentazione? Se prendiamo in considerazione solo il sale iodato, senza considerare altri alimenti, 6 grammi (poco più di 1/2 cucchiaio) contengono circa 180 microgrammi di iodio.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook