UniversONline.it

EtÓ primo figlio: la media sale a 32 anni - A che etÓ il primo figlio? In Italia si supera abbondantemente il periodo migliore dal punto di vista biologico e il primo figlio arriva mediamente a 32 anni

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

EtÓ primo figlio: la media sale a 32 anni

EtÓ primo figlio

A che etÓ il primo figlio? In Italia si supera abbondantemente il periodo migliore dal punto di vista biologico e il primo figlio arriva mediamente a 32 anni. Nel 2004 l'etÓ media della donna al primo parto era di 31,8 anni, oggi il primo figlio arriva invece in media a 32,6 anni. Si partorisce quindi sempre pi¨ tardi ma al con tempo cala sia la mortalitÓ neonatale (2,5 casi per mille nati) che infantile (3,4 per mille). Questi e altri dati sono stati diffusi in occasione del congresso nazionale della SocietÓ Italiana di Ginecologia e Ostetricia - SIGO (Napoli - Ottobre 2013).

Anche se mediamente l'etÓ del primo figlio si sta spostando sempre pi¨ in avanti nel 2011 ci sono state oltre 9 mila baby mamme, il 17 per cento campane, con meno di 19 anni (nel 2010 erano pi¨ di 10 mila). Sempre nello stesso anno (2011) sono stati registrati pi¨ di 105 mila casi di interruzione volontaria di gravidanza (un terzo dei quali a carico di donne straniere), un dato in calo del 4,9 per cento rispetto agli anni precedenti ma che evidenzia ancora una scarsa adesione ai metodi contraccettivi. Nel nostro Paese solo il 16,2 per cento delle donne utilizzano la contraccezione ormonale, un dato tra i pi¨ bassi d'Europa che vede la Campania fanalino di coda con un 7,2 per cento.

Uno dei problemi del posticipare il primo figlio Ŕ la minore probabilitÓ di successo riproduttivo. Pi¨ si aspetta, pi¨ Ŕ difficile il concepimento. Il periodo che vai dai 16 ai 28 anni, con un picco verso i 20 anni, Ŕ quello che da le maggiori chance di avere un figlio. Superato questo periodo si ha un crollo della fertilitÓ, verso i 30anni la donna ha giÓ perso buona parte della sua riserva di ovociti (le cellule riproduttive). Studi scientifici hanno rilevato dei periodo critici superati i quali la probabilitÓ di concepimento viene quasi dimezzata rispetto ai periodo precedenti, il primo crollo della fertilitÓ si verifica intorno ai trent'anni, un secondo verso i 35 e un terzo dopo i 40.

Rispetto al passato oggi nascono meno bambini, una media di 1,3 figli per famiglia. Questa situazione Ŕ la conseguenza dell'etÓ in cui si decide di avere il primo figlio ma Ŕ influenzata anche dalla societÓ moderna molto diversa da quella dei decenni scorsi e dal poco supporto che le donne lavoratrici hanno prima nel periodo della gravidanza e poi nei primi mesi del neonato. L'identikit prevalente delle nuove mamme italiane Ŕ quello di una donna con un'istruzione medio-alta e, nel 60 per cento dei casi, con un lavoro.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook