UniversONline.it

Autismo infantile: lo smog tra le possibili cause - Fra le possibili cause dell'autismo infantile ci potrebbero essere le polveri sottili (Pm10 e Pm2.5): sono state rilevate evidenze scientifiche tra...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Autismo infantile: lo smog tra le possibili cause

Autismo infantile e smog

Fra le possibili cause dell'autismo infantile ci potrebbero essere le polveri sottili (Pm10 e Pm2.5): sono state rilevate evidenze scientifiche tra l'esposizione neonatale all'inquinamento e i disturbi dello spettro autistico. Molte persone, basandosi anche su ipotesi scientificamente infondate, pensano che i vaccini possano avere un ruolo nell'autismo, una credenza sbagliata che in alcuni casi porta a non far vaccinare i propri figli con potenziali rischi per la salute dei bambini. Le possibili cause dell'autismo sono diverse, esistono numerose teorie ma nessuna è ancora riuscita a dare delle risposte soddisfacenti. In un recente studio, condotto da un gruppo di esperti della University of Southern California, si è scoperto che un'eccessiva esposizione all'inquinamento potrebbe aumentare il rischio di sviluppare l'autismo. La ricerca è stata pubblicata sugli Archives of General Psychiatry (Traffic-Related Air Pollution, Particulate Matter, and Autism - doi: 10.1001 / jamapsychiatry 2013.266 - Novembre 2012).

Heather E. Volk, primo autore dello studio, spiega che i bambini colpiti da autismo, rispetto agli altri, hanno una probabilità maggiore (dalle due alle tre volte) di essere stati esposti, nei primi giorni di vita, al fumo del tubo di scappamento della macchina (per esempio durante l'accensione dell'auto in garage), allo smog e ad altre sostanze inquinanti presenti nell'aria. Per condurre la ricerca gli esperti hanno esaminato i dati di oltre 500 bambini californiani: 279 autistici e 245 sani. Fra le varie informazioni raccolte di ogni bambino si sapeva l'indirizzo dove aveva vissuto nel primo anno di vita e le settimane di gestazione, in questo modo i ricercatori hanno potuto stimare i livelli di inquinamento e il tipo di esposizione.

Alla luce dei dati raccolti gli esperti spiegano che l'inquinamento non può però essere considerato il principale fattore chiave dell'autismo e, anche se potrebbe comunque essere un fattore di rischio importante, saranno necessari ulteriori studi per esaminare questo legame. I risultati di questo studio evidenziano ancora una volta quanto sia potenzialmente pericoloso l'inquinamento per la salute umana, nuovi dati che si aggiungono a quelli ottenuti in studi passati dove, ad esempio, si è messo in relazione l'inquinamento con le aspettative di vita.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook