UniversONline.it

Smettere di fumare per dormire meglio - Smettere di fumare non è una cosa semplice, se però si riesce a superare la crisi d'astinenza i benefici per la salute sono numerosi e, fra le tante cose,...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Smettere di fumare per dormire meglio

Smettere di fumare per dormire meglio

Smettere di fumare non è una cosa semplice, se però si riesce a superare la crisi d'astinenza i benefici per la salute sono numerosi e, fra le tante cose, aiuta a dormire meglio. Molte persone hanno l'abitudine di fumano un ultima sigaretta prima di dormire e, pur consapevoli che nuoce alla salute, forse ignorano che influisce anche sulla qualità del sonno e potrebbero passare una note agitata proprio a causa del fumo. Il legame tra sigaretta e qualità del sonno è stato esaminato nel corso di uno studio condotto da un gruppo di ricercatori tedeschi. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Addiction Biology (Impaired sleep quality and sleep duration in smokers-results from the German Multicenter Study on Nicotine Dependence - doi: 10.1111/j.1369-1600.2012.00487.x - Agosto 2012).

I ricercatori, coordinati da Stefan Cohrs (del Department of Sleep Medicine, St. Hedwig Clinic Berlin, Berlin, Germany), hanno analizzandone le abitudini di un campione di 1.071 fumatori e 1.243 non fumatori. Dall'indagine è emerso che il 28,1 per cento dei fumatori soffriva di disturbi del sonno, ben il 9 per cento in più di chi non fuma. Si è poi rilevato che il 17 per cento di chi fuma dorme 6 o meno ore per notte contro il 7 per cento delle persone che non amano le bionde. Oltre agli effetti diretti del fumo sulla salute ci sono quindi anche quelli indiretti legati alla qualità del sonno, non dormire bene e dormire meno di 7 ore debilitano infatti ulteriormente il nostro organismo.

Se una persona è fumatrice e ha problemi di sonno i risultati di questo studio dovrebbero far riflettere. Precedenti ricerche avevano evidenziato che il fumo contribuisce all'infiammazione delle alte vie aeree ed è un fattore di rischio per l'apnea ostruttiva del sonno. Le apnee ostruttive del sonno, spesso ignorate e trascurate, sono una categoria di disturbi del sonno. Durante le apnee notturne il respiro diventa estremamente superficiale o si smette di respirare completamente per periodi che possono andare dai 10 ai 20 secondi (in alcuni casi si raggiungono anche periodo più lunghi). Le conseguenze dirette di queste interruzioni notturne nella respirazione sono riscontrabili il giorno seguente con estrema stanchezza e difficoltà a concentrarsi. Se quindi fumate e non riuscite a dormire bene avete una ragione in più per smettere di fumare.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook