UniversONline.it

Infertilità maschile: meno spermatozoi con il junk food - Per rimanere incinta conoscere i giorni fertili non basta, bisogna stare attenti anche all'alimentazione in quanto alcuni alimenti potrebbero diminuire la...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Infertilità maschile: meno spermatozoi con il junk food

Infertilità maschile: meno spermatozoi con il junk food

Per rimanere incinta conoscere i giorni fertili non basta, bisogna stare attenti anche all'alimentazione in quanto alcuni alimenti potrebbero diminuire la fertilità maschile. Stando ai dati di un piccolo studio condotto da Jill A. Attaman, dell'Harvard Medical School di Boston, il junk food (cibo spazzatura) non fa mal solo alle nostre arterie ma inciderebbe anche sulla fertilità. Magiare troppi cibi classificati come junk food (snack, bibite gasate, carni lavorate, fritture, dolci, ecc., tipiche pietanze da fast-food) oltre a contribuire ad un maggior accumulo di colesterolo nelle arterie (che incide in maniera significativa su infarto del miocardio ed ictus ischemico) peggiora la fertilità maschile in quanto riduce il numero di spermatozoi. I risultati della ricerca sono stati pubblicati su Human Reproduction (Dietary fat and semen quality among men attending a fertility clinic - Hum Reprod 2012; DOI: 10.1093/humrep/des065).

I ricercatori hanno analizzato i dati di 99 uomini divisi in tre gruppi in base alla quantità di grassi consumati. Dall'indagine è emerso che il gruppo che seguiva una dieta ricca di grassi presentava un numero inferiori di spermatozoi nel liquido seminale. La riduzione di spermatozoi, rispetto al gruppo che seguiva una dieta più salutare, era mediamente del 43 per cento e in più si è rilevata una concentrazione spermatica inferiore anche se non si ricadeva nella fattispecie dell'oligozoospermia (quando la concentrazione di spermatozoi è al di sotto dei livelli definiti dall'Organizzazione mondiale della sanità "normali").

Dallo studio è emerso anche un altro dato interessante, gli uomini che mangiavano più alimenti ricchi di Omega 3 (un acido grasso presente nel pesce azzurro come le sardine ma anche nel salmone, nel tonno e nei crostacei) avevano degli spermatozoi più "sani" e con una motilità migliore, fattori che migliorano le probabilità di concepimento.

Jill A. Attaman conclude spiegando che lo studio, anche se ha coinvolto un campione limitato di uomini, evidenzia i possibili benefici che ci potrebbero essere nel ridurre la quantità di grassi saturi e nell'aumentare quegli alimenti contenenti Omega 3. Piccoli accorgimenti che contribuirebbero non solo a migliorare la loro salute generale ma anche quella riproduttiva.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook