UniversONline.it

Camminare per dimagrire e restare in forma - Si può dimagrire camminando? La risposta è si, diversi studi lo hanno dimostrato e un nuovo opuscolo realizzato dalla Società Italiana di Medicina Generale...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Camminare per dimagrire e restare in forma

Camminare per dimagrire e restare in forma

Si può dimagrire camminando? La risposta è si, diversi studi lo hanno dimostrato e un nuovo opuscolo realizzato dalla Società Italiana di Medicina Generale (SIMG) ribadisce l'importanza di camminare. Una pratica utile non solo se si deve perdere peso ma anche per restare in forma.

Qual è la distanza che si dovrebbe percorrere camminando per rimanere in forma? Secondo gli esperti servirebbero almeno 5 mila passi al giorno, un numero apparentemente alto ma che convertito in distanze corrispondono a circa 3 Km. In base a quanto riferiscono gli specialisti, percorrere a piedi 3 km non da dei benefici solo per la salute ma fa risparmiare anche soldi.

Si è stimato che muoversi a piedi porta ad un risparmio di 700 euro all'anno, 400 euro relativi al costo del carburante, gestione, e manutenzione dell'auto, e 300 euro che il cittadino sborsa direttamente o indirettamente, attraverso il sistema sanitario nazionale, per curare diverse patologie legate alla sedentarietà (diabete di tipo 2, patologie cardiovascolari, ecc.).

Secondo alcune stime dell'Organizzazione Mondiale della Sanità la vita sedentaria causa indirettamente circa 600.000 decessi l'anno in Europa. La "vita sedentaria" è una delle dieci cause principali di mortalità e disabilità nel mondo. Claudio Cricelli, presidente della Società Italiana di Medicina Generale (SIMG), spiega che alcune delle malattie croniche che colpiscono in massa gli italiani sono legate proprio a stili di vita sbagliati. Nel nostro paese ci sono circa 3,9 milioni i diabetici ma un altro male è un vero "killer silenzioso", l'ipertensione provoca circa 240.000 morti l'anno ed è responsabile del 47 per cento delle cardiopatie ischemiche e del 54 per cento degli ictus cerebrali. Camminare non aiuta quindi solo a perdere peso ma è una misura efficace per tenere sotto controllo questi e altri fattori di rischio contribuendo a dimezzare il rischio di morte.

Secondo gli ultimi dati ISTAT, la percentuale di sedentarietà nella popolazione italiana sfiora il 40 per cento, ci sono quindi più di 22 milioni di persone che dichiarano di non praticare attività fisica nel tempo libero. Come già evidenziato in altre occasioni per restare in forma o perdere peso non è però fondamentale praticare qualche sport, bastano dei piccoli accorgimenti nel tipo di dieta che si segue e nella scelta dei mezzi che si utilizzano per andare a lavoro. Se il posto di lavoro è molto lontano dalla nostra casa e non ci si può recare a piedi, possiamo parcheggiare la macchina a qualche isolato di distanza o, se ci rechiamo con i mezzi pubblici, scendere a qualche fermata prima e percorrere a piedi il tratto di strada rimanente.

Camminare fa perdere più calorie di quanto si possa pensare, percorrendo 800 metri in 10 minuti si perdono all'incirca 35 calorie. Camminare per circa un'ora a passo sostenuto può far perdere anche più di 300 calorie. Ovviamente uno valuterà quando è più opportuno camminare e quanto, magari arrivare a lavoro dopo un'ora di camminata potrebbe avere qualche inconveniente, in questo caso 10 minuti potrebbero essere più che sufficienti e le lunghe camminate le se riservano per la sera o il fine settimana.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook