UniversONline.it

La depressione post partum colpisce donne e uomini - Quando si parla di depressione post partum solitamente si pensa alla donna, in alcuni casi questo tipo di depressione può però interessare anche l'uomo

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

La depressione post partum colpisce donne e uomini

La depressione post partum

Quando si parla di depressione post partum solitamente si pensa alla donna, in alcuni casi questo tipo di depressione può però interessare anche l'uomo. La depressione post partum nei papà, nella maggior parte dei casi, è una conseguenza di una depressione post partum nella compagna ma, in alcuni casi, può presentarsi anche se nella donna non è presente.

In base ai dati raccolti in numerosi studi si è notato che la depressione post partum nell'uomo è solitamente preceduta da quella della donna, tanto più è grave la depressione nella donna tanto più saranno significativi i sintomi nell'uomo. Si stima che dal 24 al 50 per cento dei compagni delle donne che soffrono di depressione post partum siano a loro volta depressi.

Senza l'aiuto di un medico in alcuni casi potrebbe essere difficile rilevare uno stato di depressione post partum (DPP), ci sono inoltre delle differenze tra uomo e donna. Per quanto riguarda le mamme si può parlare di DPP quando per almeno due settimane hanno umore depresso, mancanza di piacere e interesse nelle abituali attività; devono inoltre essere presenti almeno cinque dei seguenti sintomi: disturbi del sonno e/o dell'appetito, iperattività motoria o letargia, faticabilità o mancanza di energia, sensi di colpa, bassa autostima, sentimenti di impotenza e disvalore, ridotta capacità di pensare o concentrarsi e pensieri ricorrenti di morte.

Nell'uomo la depressione si manifesta invece con: attacchi di rabbia, rigidità affettiva, ipercriticismo, abuso di droga e alcol e sintomi correlati alla somatizzazione, fra cui merita un cenno la "couvade syndrome" (sindrome della covata) o anche "gravidanza simpatetica", in cui l'uomo, a partire dal secondo-terzo trimestre, sino alla nascita del piccolo, sperimenta disturbi digestivi (come diarrea, nausea, vomito), insonnia, oscillazioni del tono dell'umore, desiderio spasmodico di particolari cibi, prurito: in una parola tutti i sintomi che sperimenta la donna incinta.

Gli esperti spiegano che la depressione nell'uomo colpisce circa 1 padre su 10, può presentarsi già durante il periodo della gravidanza ma raggiunge il picco tra i 3 e i 6 mesi di vita del bambino. In molti casi i padri si sentono lasciati da parte visto che è la donna che sta al centro dell'attenzione. La situazione potrebbe poi peggiorare dopo il parto quando le neo mamme criticano i compagni per come cambiano i pannolini, danno da mangiare, ecc., un comportamento che mina l'armonia della famiglia. Il risultato è che il padre smetterà di offrire il suo aiuto e nella coppia ci sarà risentimento e assenza di comunicazione.

E' molto probabile che un uomo colpito da questi disturbi maltratti chi gli sta attorno quando non è felice, mentre le donne tendono a interiorizzare. Per prevenire quest'eventualità è quindi importante coinvolgere i futuri papà da subito, rendendoli partecipi alle visite prenatali e non emarginandoli dedicando le attenzioni unicamente alla donna.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook