UniversONline.it

Immagini di neonati con posizioni sbagliate e rischio SIDS - Circa un terzo delle immagini di neonati pubblicate su riviste per neomamme ritraggono i piccoli mentre dormono in posizioni errate che, se imitate,...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Immagini di neonati con posizioni sbagliate e rischio SIDS

null

Circa un terzo delle immagini di neonati pubblicate su riviste per neomamme ritraggono i piccoli mentre dormono in posizioni errate che, se imitate, incrementano il rischio di SIDS (Sindrome da morte improvvisa del lattante). Questa è la conclusione di un'indagine dei pediatri del Children's National Medical Center di Washington dopo aver esaminato gli articoli pubblicati su 24 magazine comprati soprattutto da donne americane con un'età compresa tra i 20 e i 40 anni. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Paediatrics (Agosto 2009).

Rachel Moon e Brandi Joyner, due ricercatrici esperte di Sids e coordinatrici dello studio, hanno passato in rassegna numerose riviste con un tiratura medio alta che trattano argomenti rivolti alle future o neo mamme. Le due pediatre spiegano che i piccoli dovrebbero essere adagiati sulla schiena, senza cuscini o altri accessori nella culla, però, di tutte le foto utilizzate negli articoli, circa un terzo ritraevano i piccoli in posizioni potenzialmente dannose e ben due terzi delle immagini mostravano ambienti non idonei per far dormire i neonati come ad esempio il letto dei genitori.

Per esigenze di composizione della foto e di "stile" spesso i piccoli vengono ritratti in posizioni e ambienti inadeguati. Indirettamente potrebbero influire negativamente in quanto i genitori mal interpreterebbero il messaggio della foto considerando determinati comportamenti, o ambienti, sicuri.

La dottoressa Moon spiega che ci sono notevoli differenze tra quello che i medici raccomandano per evitare la sindrome della morte improvvisa del lattante e ciò che le mamme possono vedere sulle riviste e i media in generale. L'esperta spiega che vi è la necessità che le mamme siano informate del fatto che non sempre quello che viene rappresentato nelle foto è una riproduzione della "vita reale".

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook