UniversONline.it

Ortaggi OGM per prevenire i tumori - Un nuovo ortaggio OGM, per la precisione una patata di colore viola, potrebbe essere la nuova arma per prevenire i tumori attraverso l'alimentazione

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Ortaggi OGM per prevenire i tumori

Ortaggi OGM per prevenire i tumori

Un nuovo ortaggio OGM, per la precisione una patata di colore viola, potrebbe essere la nuova arma per prevenire i tumori attraverso l'alimentazione. Grazia al lavoro condotto da alcuni studiosi della Kansas State University, coordinati dalla ricercatrice Soyoung Lim, si Ŕ creata una nuova varietÓ di patata dolce ricca di sostanze antiossidanti utili per contrastare i tumori e gli effetti dell'invecchiamento. La ricerca che ha permesso di mettere a punto questo ortaggio OGM Ŕ stata presentata al congresso dell'Experimental Biology di quest'anno (EB, Giugno 2009).

Soyoung Lim, in occasione della presentazione della ricerca, ha spiegato che la varietÓ di patata che hanno realizzato Ŕ diversa dalle patate dolci che si trovano in commercio. Il segreto dell'ortaggio OGM risiederebbe nelle antocianine, una grande classe di pigmenti, che possono variare dal rosso al blu, presenti in piante e frutta. I ricercatori sono riusciti a mettere a punto una patata con elevatissimi livelli di antocianine, proprio per questo motivo l'ortaggio ha un intenso colore viola.

George Wang, professore associato della Kansas State University - Human Nutrition, ha condotto alcuni test sulla patata viola. L'esperto spiega che dai test gustativi si Ŕ rilevato che l'ortaggio risulta essere molto dolce e perfettamente commestibile. Un'altra analisi ha poi dimostrato che le antocianine, in particolari tumori come ad esempio quello al colon, riescono a bloccare lo sviluppo delle cellule cancerose. Gli esperti spiegano che le antocianine si trova anche in alimenti come mirtilli, uva rossa, ecc., ma la patata viola ne ha una percentuale maggiore.

Per il momento gli effetti della patata viola sul cancro al colon sono stati osservati solo in vitro, il prossimo passo sarÓ quello di condurre dei test clinici che serviranno a valutarne gli effettivi benefici sull'uomo.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook