UniversONline.it

Gravidanza, di che sesso sarà? - Salute: Di che sesso sarà il futuro nascituro? Molti genitori sono curiosi di sapere se il proprio piccolo sarà maschio o femmina

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Gravidanza, di che sesso sarà?

Gravidanza, di che sesso sarà?

Di che sesso sarà il futuro nascituro? Molti genitori sono curiosi di sapere se il proprio piccolo sarà maschio o femmina, a volte per semplice curiosità altre per iniziare a comprare i vestitini. Grazie ad una nuova tecnica messa a punto presso un laboratorio spagnolo, sarà possibile conoscere il sesso del futuro nascituro già dal secondo mese di gravidanza.

Poter conoscere il sesso del piccolo già dal secondo mese di gestazione non è però una novità, un altro test (il Gender test), messo a punto grazie anche al contributo della dottoressa Silvia Galbiati, aveva già permesso il raggiungimento di questo traguardo. La tecnica adottata in Spagna sembra però avere qualcosa in più, oltre a identificare il sesso, è in grado di diagnosticare precocemente alcune malattie come l'emofilia o la distrofia muscolare, il tutto senza dover ricorrere ad analisi invasive come ad esempio l'amniocentesi o la cordonocentesi.

L'analisi messa a punto in Spagna è il risultato di anni di ricerche condotte presso i Laboratorios Lorgen (Granada). Al progetto hanno partecipato anche alcuni medici dell'ospedale Virgen de las Nieves della città andalusa e della Fondazione per la Ricerca Biosanitaria (Fibao).

In Italia, purtroppo, queste due tecniche non sono ancora disponibili e il sesso del nascituro è possibile conoscerlo intorno alla ventesima settimana di gestazione grazie all'osservazione degli organi genitali del feto attraverso l'ecografia.

Javier Valverde, direttore generale dei Laboratorios Lorgen, attraverso un comunicato stampa spiega che la tecnica che hanno messo a punto, oltre a non essere invasiva, è molto utile per diagnosticare precocemente alcune malattie che colpiscono soprattutto i maschi. Dopo aver prelevato un campione di sangue della madre, si eseguono una serie di analisi che permettono di estrapolare il DNA del futuro nascituro, a questo punto è possibile osservare l'eventuale presenza del cromosoma Y, presente solo nei maschi.

Per il momento la tecnica spagnola è stata sperimentata su 120 donne facendo riscontrare un elevato indice di affidabilità superiore al 98 per ceno. Il costo del test oscilla fra i 120 e 130 euro, un po' meno rispetto al Gender test che è intorno ai 150 euro.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook