UniversONline.it

Fumo e udito, nuove controindicazioni per i fumatori - Salute: Se si inizia a fumare in giovane età, o si è figli di madri che fumavano in gravidanza, ci potrebbero essere maggiori probabilità di anomalie nello...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Fumo e udito, nuove controindicazioni per i fumatori

Fumo e udito: nuove controindicazioni per i fumatori

Se si inizia a fumare in giovane età, o si è figli di madri che fumavano in gravidanza, ci potrebbero essere maggiori probabilità di anomalie nello sviluppo celebrale dei giovani. Osservando i risultati di uno studio pubblicato sulla rivista New Scientist (Gennaio 2008), l'esposizione alla nicotina sembrerebbe collegata ad un maggiore rischio di problemi all'udito e di concentrazione.

Lo studio, condotto da un gruppo di ricercatori della Yale University School of Medicine e coordinato da Leslie Jacobsen, ha esaminato 67 adolescenti rilevando che i pazienti maggiormente esposti al fumo (fumatori o figli di madri fumatrici) avevano problemi a concentrarsi e interpretare i suoni se c'erano elementi che li distraevano.

In seguito ad un'analisi accurata della corteccia celebrale, si è notato che i giovani esposti alla nicotina presentavano un'alterazione nella struttura della materia bianca, un'area che ha la funzione di relazionare le aree cerebrali.

Secondo la ricercatrice Leslie Jacobsen la nicotina potrebbe essere la causa del problema in quanto stimolando un composto chimico conosciuto come acetilcolina si innesca una sovrapproduzione di materia bianca. L'eccesso di materia bianca, compromettendo la trasmissione neuronale, espone i giovani fumatori, o figli di fumatrici, a maggiori difficoltà e problemi scolastici, un motivo in più per i giovani e le donne in gravidanza per smettere di fumare.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook