UniversONline.it

Smog, in Italia uccide ogni anno più di 8 mila persone - Salute: Ogni anno più di 8mila persone muoiono a causa dell'inquinamento delle nostre città, una conseguenza delle elevate concentrazioni di Pm10

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Smog, in Italia uccide ogni anno più di 8 mila persone

Smog: ogni anno 8 mila morti

Ogni anno più di 8mila persone muoiono a causa dell'inquinamento delle nostre città, una conseguenza delle elevate concentrazioni di Pm10 che secondo delle direttive comunitarie entro il 2010 non dovranno superare i 20 microgrammi/metro cubo. Attualmente il limite dovrebbe essere di 40 microgrammi/metro cubo, purtroppo dai dati rilevati durante uno studio condotto dall'Organizzazione mondiale della Sanità i livelli di Pm10 registrati sono di gran lunga superiori.

L'Agenzia per la protezione dell'ambiente e per i servizi tecnici (Apat), ha richiesto all'OMS di svolgere alcune indagini su 13 città italiane: Torino, Genova, Milano, Trieste, Padova, Venezia-Mestre, Verona, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Catania, Palermo. Sommando tutti gli abitanti dei centri tenuti sotto osservazione si arriva a circa 9 milioni di cittadini, circa il 16 per cento della popolazione nazionale.

Durante la ricerca intitolata "Impatto sanitario del Pm10 e dell'ozono in 13 città italiane", come si può intuire dal titolo, gli esperti si sono concentrati principalmente su due inquinanti: l'ozono e le polveri sottili (Pm10) prodotte principalmente dal traffico. Osservando i dati relativi al biennio 2002-2004 emerge un aspetto preoccupante, ogni anno muoiono mediamente più di 8mila persone per cause imputabili all'inquinamento, statisticamente un numero che è circa il 9 per cento della mortalità negli over 30 per tutte le cause, esclusi gli incidenti stradali.

Roberto Bertollini, uno dei maggiori esperti internazionali sul legame tra esposizione ad inquinanti ambientali e salute umana e Direttore Salute ed Ambiente di OMS Europa, evidenzia che l'impatto sanitario del Pm10 e dell'ozono rappresenta un problema di sanità pubblica considerevole. L'esperto spiega che la società in cui viviamo continua a sopportare un pesante fardello con conseguenti ripercussioni su individui e famiglie, con morti premature e malattie croniche ed acute; un problema che ricade anche sul sistema sanitario in quanto aumentano i ricoveri e di conseguenza i costi.

I dati ottenuti dalla ricerca condotta in Italia sono in linea con quelli ottenuti in valutazioni analoghe di altri paesi della Comunità Europea. I numerosi dati acquisiti in questi anni consentono di scomporre l'impatto del Pm10 sulla mortalità per gli effetti cronici oltre i 20 microgrammi/metro cubo in cancro al polmone (742 casi/anno), infarto (2 562), ictus (329). Numeri elevati si registrano anche per altre malattie come: bronchiti, asma, e sintomi respiratori in bambini ed adulti. Inoltre sono stati riscontrati numerosi casi di ricoveri ospedalieri per malattie cardiache e respiratorie che determinano perdita di giorni di lavoro.

Molte delle città italiane, nel 2005 avevano già superato il limite annuale di 40 microgrammi/metro cubo nei primi tre mesi dell'anno. Una situazione che necessita un'azione politica che affronti il problema del traffico nel più breve tempo possibile. Delle azioni volte a diminuire il numero di mezzi privati in circolazione avrebbero molteplici vantaggi. Oltre a diminuire le emissioni di Pm10, si otterrebbe una diminuzione degli incidenti stradali, dell'inquinamento acustico, dell'inattività fisica e dagli effetti psicosociali. Quest'obiettivo non può essere però raggiunto se prima non si migliorano i trasporti pubblici.

Dallo studio dell'Organizzazione mondiale della Sanità emergono dati preoccupanti anche per quanto riguarda l'ozono, soprattutto nell'Europa meridionale si sta delineando sempre più come un inquinante pericoloso. Secondo i dati raccolti sulle 13 città italiane, ogni anno causerebbe la morte di 516 persone che vanno ad aggiungersi alle morti causate dal Pm10.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Articoli di medicina e salute correlati

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook