UniversONline.it

Le allergie vengono spesso sottovalutate - Salute: Oltre la metà degli italiani che presentano qualche forma di allergia non si è mai rivolto al medico di famiglia o a centri specializzati per curare...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Le allergie vengono spesso sottovalutate

Allergie: spesso sono sottovalutate

Oltre la metà degli italiani che presentano qualche forma di allergia non si è mai rivolto al medico di famiglia o a centri specializzati per curare il proprio disturbo, questo è il quadrò che emerge da una ricerca condotta su un campione di 14 mila persone intervistate dall'Eurisko, un importante istituto di ricerca che opera nel campo delle ricerche sociali e di mercato.

I dati sono stati presentati a Milano durante la conferenza stampa dal titolo "Allergia: il buongiorno si respira dal mattino". Questa notizia non sembra aver particolarmente sorpreso gli allergologi, Claudio Cricelli, presidente della Società Italiana di Medicina Generale, spiega che in Italia troppo spesso si tende a sottovalutare alcuni problemi, a volte per via di una scarsa informazione in materia altre volte perché per poter effettuare alcune visite di controllo ci sono lunghe attese che spesso portano i pazienti a rinunciare. Purtroppo, se in alcuni casi i pazienti trascurano delle forme lievi di allergie, in molti casi, non intervenendo con una terapia adeguata, si trascurano sintomi che si acuiscono nei periodi di picco dando dei problemi di un certo peso.

Molte volte, i sintomi considerati dai pazienti come marginali, possono interferire sulla qualità della vita causando diverse conseguenze come: difficoltà nel concentrarsi nello studio nel 40 per cento dei casi, maggiore irritabilità nel 51 per cento e sintomi di stanchezza nel 53 per cento.

Giorgio Walter Canonica, presidente del World Allergy Organisation, spiega che molte volte i pazienti preferiscono non assumere antistaminici, particolari farmaci di automedicazione contro le allergie. Questi farmaci bloccando gli effetti dell'istamina, responsabile delle manifestazioni allergiche, gli antistaminici sono in grado di ridurre significativamente alcuni sintomi dell'allergia come starnuti, congiuntivite, orticaria, il gocciolamento nasale, dermatiti e rush cutanei. L'effetto collaterale è che provocano sonnolenza, per questo motivo non sempre possono essere assunti dai pazienti, gli esperti però hanno evidenziato come in commercio ora siano disponibili antistaminici di nuova generazione, oltre ad avere un costo contenuto, intorno ai 10 euro, sono rimborsabili per alcuni pazienti e non influenzano la concentrazione.

Il problema delle allergie è molto diffuso in Italia, secondo i dati raccolti dal Dipartimento Salute Eurisko interesserebbe un italiano su cinque, numeri che salgono nei grandi centri abitati. Se in certi situazioni le allergie interessano alcuni individui in tutti i periodi dell'anno, la maggior parte dei casi, il 70 per cento, vede una maggiore diffusione del problema solo i determinati periodi dell'anno come la primavera. Statisticamente vengono colpite più le donne, 61 per cento contro il 39 per cento degli uomini, inoltre il fenomeno è più frequente nei giovani, il 58 per cento degli allergici ha meno di 44 anni.

Un altro aspetto evidenziato durante la conferenza riguarda il periodo della giornata più critico per gli allergici, sembra infatti che al mattino nel 50 percento dei casi i sintomi risultano molto più accentuati, in questa fase della giornata bisogna quindi porre particolare attenzione a quelle sostanze di cui si sa essere allergici.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook