UniversONline.it

Bere caffè aiuta la memoria - Salute: Secondo uno studio condotto in Austria, chi beve caffè ha un miglioramento della memoria a breve termine e dei livelli di attenzione più alti.

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Bere caffè aiuta la memoria

Bere caffè aiuta la memoria

Secondo uno studio condotto all'Università Medica di Innsbruck in Austria, i cui risultati sono stati presentati a Chicago, al meeting annuale della Radiological Society of North America (RSNA), chi beve caffè ha un miglioramento della memoria a breve termine e dei livelli di attenzione più alti.

Tali proprietà non sarebbero presenti solo nel caffè espresso ma anche in altre bevande che contengono caffeina come il tea, il caffè americano e alcuni soft drinks.

Che la caffeina è una sostanza stimolante lo si sa ormai da tempo. In tutto il mondo le persone che devono rimanere "sveglie" o "ricaricarsi", bevono una tazzina di caffè o comunque qualcosa che contenga caffeina.

Da un'indagine è emerso che il consumo medio mondiale di caffè si aggira intorno a una tazzina e mezzo, in America si arriva addirittura a quattro tazzine e mezzo.

I ricercatori Austriaci però hanno approfondito ulteriormente gli effetti della caffeina sull'organismo umano, in particolare sul cervello e sui comportamenti di chi assume tale sostanza.

Lo studio ha coinvolto 15 persone che per valutare correttamente i dati, sono dovute stare in astinenza nel periodo precedente all'inizio dell'esperimento, da caffè per 12 ore, e da nicotina per 4 ore.

La prima fase dell'esperimento è consistita nell'esecuzione di alcuni giochi, da parte delle persone coinvolte, atti a misurare dei parametri relativi all'attività celebrale mentre si effettuavano dei test che richiedeva memoria a breve termine e prontezza di riflessi.

Successivamente, a loro insaputa, i pazienti hanno assunto una dose di caffeina di circa 100 milligrammi, equivalente più o meno a due tazzine di caffè. In seguito all'assunzione della caffeina, nel lobo frontale del cervello (un'area che controlla la memoria breve) è stato riscontrato un aumento dell'attività neuronale. In questa fase i soggetti si sono dimostrati più reattivi e hanno ottenuto dei risultati migliori nell'esecuzione dei test relativi alla memoria a breve termine.

Lo stesso aumento di attività celebrale è stata riscontrata anche nel cingolo anteriore, una zona del cervello che regola l'attenzione. Questi miglioramenti venivano riscontrati solo quando veniva somministrata la caffeina e non il placebo, dimostrazione degli effetti positivi della prima.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook