UniversONline.it

Sardine contro infarto e ictus - Salute: Le sardine sono delle ottime alleate per proteggere il cure e i vasi sanguigni prevenendo ictus e infarti.

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Sardine contro infarto e ictus

Sardine contro infarto e ictus

Le sardine sono delle ottime alleate per proteggere il cure e i vasi sanguigni prevenendo ictus e infarti. Questo Ŕ quanto Ŕ emerso al XIX Congresso nazionale tenutosi a Venezia dove si sono riuniti i medici della SocietÓ Italiana per lo Studio dell'Ateriosclerosi, SISA.

Secondo gli esperti, fra i pesci azzurri come sgombri e aringhe, le sardine sono pi¨ ricche di acidi grassi omega-3, un particolare antiossidante in grado di ripulire le arterie.

Il consiglio che viene dato dagli specialisti per aiutare la prevenzione di malattie come ictus e infarti, Ŕ quello di consumare pesce azzurro almeno due volte a settimana. In questo modo l'organismo riceve circa mezzo grammo di omega-3 al giorno.

Se in passato si hanno giÓ avuto dei problemi legati ai vasi sanguigni o al cuore, il consiglio Ŕ quello di integrare a quanto detto giÓ prima, l'aggiunta di integratori farmacologici a base di omega-3, in questo modo l'organismo assumerÓ un grammo e mezzo di omega-3 al giorno. Per l'assunzione di integratori Ŕ comunque opportuno chiedere un parere medico di uno specialista.

Graziana Lupatelli, collaboratrice del presidente SISA, Elmo Mannarino, ha sottolineato che gli effetti benefici degli omega-3, nella riduzione del rischio cardiovascolare, sono ormai comprovati da numerosi studi clinici. Per questo motivo, Ŕ bene aiutare l'organismo a prevenire eventuali complicazioni future con l'integrazione di pesce azzurro nella dieta di ogni persona, in particolar modo le sardine, pi¨ ricche in omega 3.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook