Costellazione: Cassiopeia

Costellazione di Cassiopeia ( CASSIOPEA )

CASSIOPEA

Cassiopea secondo la mitologia era una splendida e vanitosa regina d'Etiopia, moglie del re Cefeo e madre di Andromeda. Nella costellazione viene raffigurata nella posizione seduta, facilmente identificabile per la forma a W delle sue 5 stelle maggiormente splendenti. E' situata nella via lattea, ed è in una zona particolarmente ricca di stelle. I corpi celesti che formano Cassiopea sono:

alfa Cassiopeiae (Schedar), mag. 2.2, una gigante gialla distante 120 a.l. Ha una compagna di 9&ordt; magnitudine.

beta Cas (Caph), mag. 2.3, è una stella bianca distante 42 a.l.

gamma Cas, distante 780 a.l., è una straordinaria gigante blu variabile del tipo chiamato stella con inviluppo esteso (shell star). Essa espelle anelli di gas a intervalli irregolari, evidentemente perché la sua veloce rotazione la rende instabile, facendola variare in modo imprevedibile tra mag. 3.0 e 1.6. Usualmente oscilla intorno a mag. 2.5.

delta Cas (Ruchbah), mag. 2.7, è una stella bianco-azzurra distante 62 a.l.

epsilon Cas, mag. 3.4, è una gigante blu distante 520 a.l.

eta Cas, distante 19 a.l., è una bellissima stella doppia con componenti gialla e rossa di mag. 3.6 e 7.5, visibili con un piccolo telescopio.

iota Cas, distante 180 a.l., è una stella bianca di mag. 4.5 con una compagna larga di 8&ordt; magnitudine, visibile con un telescopio di 60 mm.

sigma Cas, distante l300 a.l., è una doppia stretta, con componenti di mag. 5.1 e 7.2, di colore verde e azzurro, in forte contrasto con i colori, più caldi, di eta Cas.

psi Cas, distante 240 a.l., è una gigante gialla di 5&ordt; magnitudine con una compagna larga di 9&ordt; magnitudine visibile con un piccolo telescopio. Un forte ingrandimento mostra che questa compagna è a sua volta una binaria stretta.

M 52 (NGC 7654) è un ammasso di circa 120 stelle, distante 3800 a.l., visibile con un binocolo come una macchia nebbiosa. Ha una forma simile a un rene, con una stella giallo-arancione su un bordo, come una versione minore del celebre ammasso M 11 in Scutum. M 52 può essere risolto nelle singole stelle con un'apertura di 75 mm.

M 103 (NGC 581), distante 3800 a.l., è un ammasso aperto di circa 60 stelle con al centro una forma a losanga.

NGC 457 è un ammasso aperto di stelle di debole luminosità. L'ammasso può essere individuato facendo riferimento alla stella fi Cas, una supergigante gialla di mag. 5.0, che si trova a un suo lato.

NGC 663, distante 2600 a.l., è un ammasso di circa 80 stelle, visibile con un binocolo.

Condividi questa pagina nei Social Network

Link sponsorizzati