UniversONline.it

Ispaghul - piante officinali ed erbe medicinali - Piante officinali e erbe, scheda e informazioni per Ispaghul - Nome botanico: Plantago ovata Forskal

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Piante officinali e erbe: Ispaghul

Ispaghul (Piante officinali)

Nome botanico: Plantago ovata Forskal
Famiglia pianta: Plantaginaceae

Descrizione

Si tratta di una pianta erbacea molto simile alla nostra Piantaggine, originaria del Pakistan, India ed Iran, della quale si utilizzano i semi, maturi, contusi, chiamati anche "semi bianchi di psillio". In fitoterapia si utilizzano i semi maturi, o ancor meglio la cuticola del seme.

Tempo balsamico: dati non disponibili.

Attività principali e impiego terapeutico

La pianta in Francia viene chiamata anche con l'appellativo di "Piantaggine d'India", infatti in questo Paese i semi dell'Ispaghul vengono abitualmente utilizzati e venduti anche nei bazar. I preparati a base di cuticola di psillio devono essere assunti con abbondante acqua, per permettere il rigonfiamento delle mucillagini, che creano un gel. Assunti prima dei pasti, essi possono dare un senso di sazietà; a livello intestinale il gel che si forma riduce l'assorbimento degli zuccheri, di grassi e di colesterolo. Inoltre, provocando lo stiramento della parete intestinale, stimola la peristalsi, facilitando il transito intestinale. Le mucillagini dello psillio sono utili nelle diete dimagranti, nell'ipercolesterolemia, nel diabete dell'anziano e nella stipsi.

Conoscenze scientifiche

I semi sono particolarmente ricchi di mucillagini (arabinoxylani), proteine, un olio e glucosidi iridoidi come l'aucubina. Le mucillagini dell'Ispaghul, come tutte le mucillagini, assorbono acqua a livello del tubo gastroenterico, rigonfiandosi. Sono pertanto indicate al fine di aumentare la peristalsi intestinale nei casi di stitichezza, colon irritabile, emorroidi, stipsi in gravidanza, diverticolosi del colon. È possibile utilizzare l'Ispaghul anche per ridurre eventuali stati diarroici (nel qual caso dovrà essere assunta con poco acqua). L'Ispaghul entra anche nella composizione di specialità medicinali (lassativi di massa) e di integratori difibre utilizzati come complemento nei regimi dietetici ipocalorici.

Avvertenze

L'uso dell' Ispaghul è controindicato nelle occlusione e subocclusioni intestinali. Possibili reazioni allergiche Interazioni Possibile riduzione di efficacia di alcuni farmaci, se assunti 30-60 minuti prima o dopo l'Ispaghul: anticoagulanti, antidiabetici, litio, vitamine e minerali. Insulina: possibile un adeguamento della terapia insulinica in relazione alla riduzione dell'assorbimento dei carboidrati

Livelli di tossicità: non disponibili.

Gravidanza ed allattamento: non abbiamo a disposizione studi specifici.

Neonati e bambini: è rischioso somministrare qualsiasi preparato a base di piante medicinali a bambini sotto i due anni d'età.

Note sull'utilizzo delle piante medicinali

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook