UniversONline.it

Cascara - piante officinali ed erbe medicinali - Piante officinali e erbe, scheda e informazioni per Cascara - Nome botanico: Rhamnus purshiana D.C.

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Piante officinali e erbe: Cascara

Cascara (Piante officinali)

Nome botanico: Rhamnus purshiana D.C.
Famiglia pianta: Rhamnaceae

Descrizione

La pianta, chiamata anche Cascara sagrada, è un albero tipico delle regioni della costa occidentale dell'America del nord. Parti utilizzate Corteccia Costituenti Derivati idrossiantracenici (60-70% cascarosidi) e loro glucosidi (antrachinoni 10-20%). Presente in Farmacopea Ufficiale e in numerose specialità medicinali.

Tempo balsamico: dati non disponibili.

Attività principali e impiego terapeutico

Utilizzata molto comunemente a scopo lassativo, per la presenza di antrachinoni, in tisane o preparazioni medicinali.

Conoscenze scientifiche

I glucosidi antrachinonici presenti (cascarosidi) riducono l'assorbimento di acqua a livello intestinale, provocano una irritazione della mucosa e stimolano la peristalsi intestinale. Possono essere usati solo nei casi di stipsi saltuaria o come preparazione ad interventi chirurgici o accertamenti diagnostici a carico del tubo digerente (coloscopia).

Avvertenze

Può causare dolori addominali e diarrea, vomito se usata fresca. L'abuso o l'uso cronico invece può provocare: pigmentazione della mucosa del colon (melanosis coli); alterazione del quadro elettrolitico e dell'equilibrio acido-base; colon da catartici (dilatato, senza haustra e anche con pseudorestringimenti); alterazioni irreversibili del plesso nervoso intramurale con conseguente aggravamento della stitichezza; quadro clinico di colon irritabile; aumento del rischio di degenerazione neoplastica E' controindicata nei casi di gastrite, coliti, diverticoliti, appendiciti, dolori addominali, occlusione intestinale. L'uso eccessivo o prolungato nel tempo di lassativi antrachinonici può comportare numerose interazioni con farmaci o altre piante medicinali: cardiotonici, liquirizia, diuretici, antiaritmici, analgesici, alofantrina, betabloccanti, cortisonici, macrolidi, vincamina.

Livelli di tossicità: considerata relativamente pericolosa, soprattutto per i bambini, per le persone oltre i 55 anni e per coloro che ne assumono quantità superiori a quelle consigliate, per lunghi periodi di tempo.

Gravidanza ed allattamento: non abbiamo a disposizione studi specifici.

Neonati e bambini: è rischioso somministrare qualsiasi preparato a base di piante medicinali a bambini sotto i due anni d'età.

Note sull'utilizzo delle piante medicinali

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook