UniversONline.it

Artemisia - piante officinali ed erbe medicinali - Piante officinali e erbe, scheda e informazioni per Artemisia - Nome botanico: Artemisia vulgaris L.

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Piante officinali e erbe: Artemisia

Artemisia (Piante officinali)

Nome botanico: Artemisia vulgaris L.
Famiglia pianta: Asteraceae (Composite)

Descrizione

La pianta è molto comune ai bordi delle strade di campagna.

Tempo balsamico: dati non disponibili.

Attività principali e impiego terapeutico

Le foglie sono utilizzate nella medicina tradizionale cinese per la moxa, mentre in occidente contro mestruazioni dolorose ed irregolari.

Conoscenze scientifiche

L'olio essenziale è ricco in terpeni e tuoni, flavonoidi, tannini e sostanze amare Assenti tuttavia dati di carattere scientifico circa la sua efficacia e sicurezza.

Avvertenze

Tra gli effetti collaterali: nausea, vomito, diarrea, crampi addominali. Frequenti reazioni allergiche. Abortivo.Controindicato in soggetti con gastrite, ulcera peptica, epilessia, ipersensibilità accertata verso uno o più componenti. Possibili interazioni con amari, terapie ormonali, farmaci neurostimolanti Il Dragoncello (Artemisia dracunculus L.), chiamato anche Estragone, è un'altra Artemisia, molto utilizzata in gastronomia ma per la quale non esiste sufficiente letteratura per il suo impiego a scopo curativo. Contiene un olio essenziale ricco di estragolo, cancerogeno.

Livelli di tossicità: considerata relativamente pericolosa, soprattutto per i bambini, per le persone oltre i 55 anni e per coloro che ne assumono quantità superiori a quelle consigliate, per lunghi periodi di tempo.

Gravidanza ed allattamento: non abbiamo a disposizione studi specifici.

Neonati e bambini: è rischioso somministrare qualsiasi preparato a base di piante medicinali a bambini sotto i due anni d'età.

Note sull'utilizzo delle piante medicinali

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook