UniversONline.it

Aloe - piante officinali ed erbe medicinali - Piante officinali e erbe, scheda e informazioni per Aloe - Nome botanico: Aloe vera L., sin. Aloe Barbadensis Miller

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Piante officinali e erbe: Aloe

Aloe (Piante officinali)

Nome botanico: Aloe vera L., sin. Aloe Barbadensis Miller
Famiglia pianta: Liliaceae

Descrizione

Le piante di Aloe sono originarie dell'America centrale e dell'Africa, ma crescono spontanee anche nel bacino del Mediterraneo. E' possibile utilizzare:

  1. Il Succo condensato (FU) ottenuto dai tubuli esterni, situati al di sotto dell'epidermide della foglia, ricco in glucosidi antrachinonici.

  2. Il gel, ottenuto dalla parte centrale gelatinosa della foglia, ricco in polisaccardi e lectine.

Tempo balsamico: dati non disponibili.

Attività principali e impiego terapeutico

La parte gelatinosa centrale in particolare è stata molto utilizzata per le sue proprietà emollienti ed anti infiammatorie su eritemi ed arrossamenti cutanei.

Conoscenze scientifiche

I glucosidi antrachinonici sono lassativi, mentre le sostanze presenti nel gel sono antinfiammatoria, cicatrizzante ed immunostimolanti. Non vi sono differenze significative tra le varie specie di Aloe descritte.

Avvertenze

Il gel non depurato dagli antrachinoni, oppure il succo della pianta ottenuto frullando la foglia nella sua interezza, così come i glucosidi puri, sono frequentemente responsabili d'irritazioni gastroenteriche. L'impiego come lassativo dovrebbe essere circoscritto ad un uso saltuario, e non per la terapia della stitichezza cronica. L'uso continuativo di lassativi antrachinonici può comportare abitudine, coliche addominali, danni all'innervazione della parete del colon, alterazioni idroelettrolitiche, ed un aumento del rischio di degenerazione neoplastica. Sono controindicati nelle gastriti, coliti, diverticoliti. Numerose sono inoltre le possibili interazioni con farmaci: digitatici, liquirizia, diuretici e cortisonici (ipopotassiemia); antiaritmici (chinidina, ajmalina, betabloccanti, ecc.) con rischio di gravi aritmie; antibiotici macrolidi e vincamina (rischio di aritmie ventricolari) Il Gel di Aloe invece potenzia gli effetti degli antidiabetici orali.

Livelli di tossicità: considerata generalmente innocua se assunta in quantità appropriate per brevi periodi di tempo.

Gravidanza ed allattamento: controindicata. Gli antrachinoni possono dare vasodilatazione a livello dei vasi sanguigni uterini e può avere effetto abortivo; si ritrova nel latte materno e può causare crampi gastrici e violente evacuazioni nel lattante.

Neonati e bambini: è rischioso somministrare qualsiasi preparato a base di piante medicinali a bambini sotto i due anni d'età.

Note sull'utilizzo delle piante medicinali

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook