Cerca un farmaco »  

Farmaco: Depalgos

Elenco farmaci - farmaco: Depalgos

Confezione: 20 + 325 mg 28 Compresse a rilascio prolungato

Casa farmaceutica: L. Molteni & C. dei F.lli Alitti Societa’ di Esercizio S.p.A.

Classe farmaceutica: A

Ricetta Depalgos: RMR2 - medicinale soggetto a ricetta medica a ricalco; patologia neoplastica o degenerativa: fino a 2 medicinali diversi o 1 medicinale con 2 dosaggi; altre indicazioni terapeutiche: 1 medicinale (L.49/2006, Tab. IIA)

ATC: N02AA99

Principio attivo Depalgos: Oxicodone + paracetamolo

Gruppo terapeutico: Analgesici oppioidi

Scadenza Depalgos: 24 mesi

Temperatura di conservazione: Non superiore a +25°

Indicazioni terapeutiche / effetti Depalgos (20 + 325 mg 28 Compresse a rilascio prolungato )

Trattamento del dolore di origine degenerativa da moderato a grave in corso di malattie muscolo-osteoarticolari non controllato da FANS/paracetamolo utilizzati da soli. Trattamento del dolore di origine oncologica da moderato a grave. Depalgos è indicato esclusivamente in pazienti di età superiore a 18 anni.

Posologia / dosaggio Depalgos (20 + 325 mg 28 Compresse a rilascio prolungato )

la posologia dipende dall’intensità del dolore e da eventuali precedenti trattamenti con analgesici. La dose giornaliera totale è ripartita in più dosi equivalenti, somministrate ogni 6 ore. In ogni caso, non si devono mai superare i 4 g di paracetamolo al giorno o gli 80 mg di ossicodone al giorno. Posologia iniziale: pazienti che ricevono oppiacei per la prima volta o con dolore non controllato da altri oppiacei deboli: dose giornaliera 5 mg+325 mg ogni 6 ore; pazienti già trattati in precedenza con oppiacei forti: dose giornaliera iniziale determinata in funzione della dose giornaliera di oppiaceo assunta in precedenza. Per il calcolo della dose giornaliera iniziale occorre considerare che il rapporto di equianalgesia tra ossicodone per via orale e morfina per via orale è indicativamente di 1 a 2 (cioè 10 mg di ossicodone corrispondono a 20 mg di morfina). La dose totale ottenuta va suddivisa e somministrata ogni 6 ore, utilizzando le compresse più appropriate fra i dosaggi disponibili. Se le dosi prescritte si rivelano insufficienti, il dosaggio può essere progressivamente aumentato utilizzando i dosaggi disponibili, fino a ottenere il controllo del dolore. Pazienti affetti da insufficienza epatica o renale lievi: la concentrazione plasmatica del farmaco in questi pazienti può risultare aumentata e pertanto si deve sempre iniziare dal dosaggio più basso (5 mg+325 mg ogni 6 ore).


Elenco farmaci: indice medicinali in ordine alfabetico


Condividi questa pagina nei Social Network

Link sponsorizzati